#difendolamiacasa: Damiani contro TASI e IMU

“Con l’avvicinarsi del 16 ottobre cresce forte il malumore da parte di tutti i cittadini che si vedranno costretti a pagare una tassa sulla prima casa ingiusta e iniqua – così esordisce Dario Damiani nella nota stampa pervenuta in redazione – Il 16 ottobre si pagherà l’acconto della TASI una vera e propria patrimoniale sull’abitazione principale deliberata a Barletta con una aliquota del 3,3 per mille che colpirà tutti i proprietari di prima casa. Se poi aggiungiamo che è stata aumentata anche l’IMU sulla seconda casa al 9,6 per mille possiamo tranquillamente affermare che a Barletta è stata deliberata una patrimoniale sulle abitazioni”.

“La nostra rabbia cresce anche per il fatto che le nostre proposte in merito alla tassazione locale “pagare tutti e pagare meno”, Tasi all’uno per mille per tutti, sono state rigettate da una maggioranza di centro sinistra che fa delle Tasse la sua principale bandiera. La casa rappresenta per l’85 % degli Italiani un bene irrinunciabile all’interno della quale costruire il proprio futuro, la famiglia, la solidità patrimoniale. I cittadini di Barletta sono stanchi di essere vessati In questo modo dalle Amministrazioni comunali di centro sinistra, negli ultimi 5 anni di governo hanno visto aumentare tutte le tasse locali solo per coprire i debiti da loro stessi prodotti”.

“E i servizi dove sono ? Interi quartieri della città sono al buio, non hanno servizi di trasporto pubblico, strade dissestate, sporcizia ed erbacce dappertutto, qualità dell’aria pessima. Colpire la casa e tassarla al massimo senza ricevere in cambio servizi, rappresenta la più brutta operazione di bilancio che questo Comune abbia mai fatto, una operazione di sola ragioneria contabile a discapito dei cittadini. La casa va difesa e protetta ! Il prossimo 16 ottobre condividiamo sui social più diffusi Facebook e Twitter l’hastag  #difendolamiacasa per dire No alla TASI e No alla PATRIMONIALE”.

 

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here