Di Domenico su emissioni Buzzi Unicem: “Fuoriuscita accidentale di polvere, nessun pericolo”

In seguito alle segnalazioni pervenute nei giorni scorsi di strane emissioni provenienti dallo stabilimento Buzzi Unicem, riportiamo qui le dichiarazioni el Direttore dello Stabilimento, dott. V. Di Domenico:

<< In riferimento all’emissione anomala di polvere di “farina” verificatasi nel primo pomeriggio di mercoledì 2/12/2015 e alle richieste di chiarimenti pervenute anche alla Vs Redazione, la Direzione dello Stabilimento Buzzi Unicem di Barletta intende innanzitutto scusarsi con il vicinato dell’accaduto e dell’eventuale disagio arrecato e ritiene necessario fornire i seguenti chiarimenti. 

La fuoriuscita accidentale di polvere di materie prime, costituite prevalentemente da calcare e argilla (>95%) e finemente macinate, è stata provocata dal non corretto funzionamento della valvola dei gas del mulino della farina. Seppure controllata dagli operatori incaricati alla manovra e nonostante sia avvenuta all’interno di un reparto chiuso, l’emissione anomala di farina è risultata chiaramente distinguibile dall’esterno dello stabilimento. Grazie ai ridotti tempi di intervento, si è solo in minima parte dispersa all’esterno del fabbricato (per effetto camino), ricadendo principalmente nelle immediate vicinanze del reparto coinvolto. 

L’evento non ha riguardato le emissioni atmosferiche in uscita dal camino del Forno, che risultano essere ampiamente entro i limiti definiti nell’AIA di stabilimento (come è possibile evincere dalla pagina web sul sito del Comune di Barletta http://www.comune.barletta.bt.it/retecivica/ambiente/ e link “Sistema di monitoraggio in continuo delle emissioni (SME) della Cementeria Buzzi-Unicem“). Altresì si comunica che questa emissione anomala non ha alcuna correlazione con le attività di decostruzione della ciminiera ex forni 3-4, completate lo scorso 25/11/2015 

La Direzione dello Stabilimento rinnova le scuse, rassicurando la cittadinanza sull’assenza di pericoli e impegnandosi a porre sin da subito la massima attenzione per evitare simili inconvenienti in futuro. >>

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here