Democrazia Cristiana di Barletta, nomina del segretario e del nuovo Direttivo

Democrazia Cristiana

Il segretario provinciale della Bat Carlo Leone della Democrazia Cristiana è lieto di annunciare la nomina in carica del segretario cittadino Rocco Tarantino ed il Direttivo di Barletta, composto da Francesca Todisco, Maria Vino, Elisabetta Amorotti, Luciana Vino, Ester Napolitano, Bica Alina, Anna Dell’Aquila, auspicano e augurano buon lavoro al neo segretario salutando la città ed i cittadini, garantendo a questi ultimi un incessante lavoro teso a migliorare le condizioni di vita ed i servizi ad essi dedicati. Per una Barletta che amiamo saremo centro di unione per attuare azioni sociali volte al mutuo soccorso delle fasce più deboli, tenendo sempre un occhio vigile sulla coerenza dell’amministrazione cittadina.

Di seguito riportiamo la dichiarazione del neo segretario: “Ringrazio tutti voi per l’opportunità che mi avete concesso di poter lavorare per la crescita, nella mia città e nel mio paese, di un partito che ha fondato e sottoscritto una costituzione che ad oggi subisce attentati da ognuno dei governi fallimentari che si sono succeduti nella storia ultima della nostra nazione. Questo fallimento socio-politico ha portato la nostra società dentro un vortice di immoralità, distruzione del concetto di famiglia, folli leggi che consentono l’illegalità del transito migratorio sul nostro territorio, l’incuria nei confronti di una politica estera ormai ridotta al nulla, la mancanza di lavoro e dignità per i cittadini, la mancanza di servizi e il dissesto economico di comuni e regioni. Era ora di ritornare sui principi base della politica italiana. La Democrazia Cristiana unico centro, aperto al dialogo, pronto all’ascolto ed al principio di condivisione, con un occhio attento sul sostegno ai più deboli e ai lavoratori, porterà un messaggio importante e rassicurante a Barletta come in tutta Italia, dimentichiamo i problemi di oggi e da oggi costruiamo un futuro senza problemi , per i nostri cari e per le generazioni che verranno. Grazie ancora e ad majora a tutti.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here