Ddl rifiuti: oggi forum M5s con associazioni e comitati

rifiuti

I consiglieri del Movimento 5 Stelle annunciano per la giornata di domani un incontro aperto per ascoltare associazioni e comitati ambientalisti, al fine di discutere del ddl rifiuti e recepire le loro osservazioni in merito da portare in Consiglio. Continuano inoltra a muovere le loro critiche nei confronti del ddl rifiuti che “non ha alcuna possibilità di risolvere l’emergenza in Puglia”.

“Come volevasi dimostrare – dichiarano gli otto consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle – mentre i pugliesi sono in vacanza Emiliano, esattamente come fa Renzi in parlamento, cerca di approvare in tempo record e nel silenzio più totale un ddl rifiuti vergognoso che agevola le grandi lobby dei rifiuti e penalizza i comuni e quindi i cittadini. Ciò che è peggio è che Emiliano porta questo provvedimento, contro il quale si sono schierati tutti i comitati ambientali e addirittura l’Associazione Nazionale dei Comuni, in commissione e consiglio nella più totale mancanza di trasparenza e condivisione come avvenuto nel caso del piano di riordino; lui che poi a parole proclama l’importanza di ascoltare i cittadini e che dice di voler fare una legge sulla partecipazione. Il Movimento 5 Stelle cercherà di porre rimedio a questa totale assenza di condivisione da parte del Presidente della Regione e per domani abbiamo organizzato un forum per incontrare i comitati e le associazioni ambientali al fine di discutere di questo ddl, rilevare le loro osservazioni e migliorare ulteriormente la nostra proposta di legge “Rifiuti zero”. Le associazioni o i comitati che volessero partecipare possono farlo inviandoci una mail all’indirizzo info@puglia5stelle.it. Siamo convinti che queste siano realtà che vanno coinvolte e ascoltate  sempre e non solo in campagna elettorale.”

Secondo i cinquestelle, questo ddl è pensato unicamente  per evitare il commissariamento del governo centrale e per coprire le responsabilità politiche, nella disastrosa gestione dei rifiuti, di Vendola e di molti consiglieri che ancora oggi siedono in Consiglio regionale.

“Un ddl – incalzano i cinquestelle – che non ha alcuna speranza di risolvere l’emergenza perchè interviene per curare i sintomi ma non la malattia. Ci sono dei rifiuti? Secondo la vecchia politica il problema si risolve creando nuove discariche ed inceneritori, ma qualsiasi nuova discarica domani si riempirà e saremo punto a capo. Noi pensiamo, in linea con le direttive più innovative dell’UE , che si debba ridurre a monte la creazione di rifiuti, riciclando, differenziando, recuperando la materia e quindi chiudendo il ciclo dei rifiuti. Per risolvere l’emergenza rifiuti in Puglia c’è bisogno di una seria legge che tenga conto dei principi dell’economia circolare, che affronti il tema dell’ecotassa, che faccia una seria distinzione tra impianti di compostaggio aerobico e anaerobico seguendo le direttive dell’UE, e che si ponga dei seri obiettivi in termini di raccolta differenziata. Noi – concludono i consiglieri pentastellati – vogliamo una Puglia alla stregua delle più virtuose realtà europee che hanno già trasformato i rifiuti in una risorsa per il territorio e in un risparmio in bolletta per tutti i cittadini.”

 

 

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here