È stata una cerimonia mesta e commovente quella con la quale ieri mattina, 60 anni dopo il crollo del palazzo di va Canosa, al civico 7, i familiari delle vittime, il sindaco Cosimo Cannito, con la senatrice Assuntela Messina e il portavoce del comitato di coloro che in quel crollo persero i propri cari, Nino Vinella, hanno ricordato, uno ad uno, le donne, i bambini, i padri, le madri morti sotto le macerie nelle quali si ridusse quell’edificio che aveva un solo anno di vita e che non lasciò scampo a nessuno. Erano le 6.40 del 16 settembre 1959 e quella è stata la tragedia che ha fatto più vittime civili in Italia dopo le guerre.

“È straziante ascoltare i nomi e soprattutto l’età di chi quella mattina, probabilmente, è morto nel sonno, ci sono tanti bambini e le loro storie sono incredibili, quelle di chi è andato incontro alla morte e quelle di chi per puro caso non era lì”, ha detto il sindaco Cosimo Cannito.

La senatrice Messina ha sottolineato come la consapevolezza e la memoria di quanto accaduto aumenta il senso di responsabilità a cui sono chiamate le istituzioni.
“Un insegnamento dobbiamo trarre da quella tragedia e da quanto accaduto poi in via Roma – ha aggiunto il primo cittadino – e cioè che la vita umana ha un valore inestimabile ed è un orrore che per cupidigia siano potute morire tante persone”.

Subito dopo, i convenuti si sono spostati in via Dei Pini per un omaggio al cippo commemorativo sul quale sono incisi i nomi delle vittime.

Presso il Palazzo della Prefettura si ricorda che è allestita e si può visitare, fino al prossimo 22 settembre, la mostra storico-documentaria e video-fotografica “Il Crollo di via Canosa, 60 anni dopo”, dalle ore 10.00 alle ore 13.00 di ogni giorno, esclusa la domenica.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here