L’orgoglio non basta: ko in gara per Cristian Barletta contro Meta

Cristian Barletta play-off

Biancorossi ko in gara-1 della semifinale playoff

 
La generosità e l’orgoglio del Cristian non bastano. Il Cristian Barletta C5, falcidiato dagli addii di Anos, Sergio Tomas e Zala alla vigilia, cede per 1-3 al PalaBorgia contro la quotata Meta nella partita di andata della semifinale-playoff del girone B di serie A2. Soddisfazione per il centro del baby Filannino e per il sostegno del pubblico di casa fino al fischio finale. Partita di ritorno in calendario sabato 31 marzo in Sicilia.
 
La cronaca- Primo tempo al via a ritmi subito elevati. Al 3′ Paganini in estirada salva sull’incursione di Musumeci: Capuano blocca. Lo stesso numero 8 biancorosso va al tiro due giri di lancette dopo: Tornatore blocca. Sul cambio di fronte la Meta passa: penetrazione centrale di Musumeci, destro potente sul quale Capuano nulla può. 0-1. La rete del vantaggio dà vigore agli ospiti: La Rosa al tiro, Capuano respinge. Dalla bandierina irrompe Vega, destro a lato. A metà frazione occasione colossale per Gabriel Focosi Eller, che interviene da pochi passi sulla respinta di Tornatore dopo il mancino di Capacchione. Gol sbagliato, gol subito: Amoedo approfitta di un rimpallo e con un mancino al volo batte Capuano per lo 0-2. Il Cristian non ci sta e cerca di rientrare in partita: al 12′ incursione di Gabriel Focosi a sinistra, mancino a incrociare e palla che sfiora il palo a Tornatore battuto. Dall’altra parte Capuano si esalta su Musumeci. Ancora Cristian Barletta: Paganini, Gabriel Focosi e Filannino esaltano Tornatore. Nel finale di frazione Capuano si esalta su un destro di Musumeci, poi Paganini salva su Amoedo a porta spalancata. Il primo tempo si chiude sullo 0-2.
 
Il secondo tempo si apre con uno scambio Capacchione-Vivaldo-Capacchione, sul quale si esalta Tornatore. Replica Meta con Amoedo, che cerca il pallonetto su Capuano ma non trova la porta. Capuano si esalta al 5′ sul destro ravvicinato di Schacker. Altro duello tra gli avanti della Meta e il numero 1 biancorosso: Vega calcia, Capuano respinge con i piedi. Ancora Amoedo al tiro al 9′: il palo grazia il Cristian. Un giro di lancette e la Meta fa tris con un diagonale mancino di Amoedo, ce non lascia scampo a Capuano. 0-3. A spazi aperti, ospiti ancora vicini al gol: Capuano salva su Vega. Il Cristian sfiora il gol della bandiera con Gabriel: incursione e destro violento, Tornatore respinge. A 6′ dalla fine arriva l’1-3: Paganini di testa, respinta di Tornatore e irrompe il giovane Filannino, che insacca in mischia. Il gol della bandiera apre le porte a un finale di fuoco: Messina salva sula botta di Capacchione, poi Capuano si esalta su Vega. Con il Cristian in campo con il portiere di movimento, la Meta spreca occasioni per il poker con Amoedo e Vega. Termina 1-3: biancorossi sconfitti ma con onore.
 
CRISTIAN BARLETTA-META 1-3 (0-2 p.t.)
CRISTIAN BARLETTA: Capuano, Capacchione, Paganini, Gabriel, Bizzoca, Dazzaro E., Daloiso, Vivaldo, Dibenedetto, Filaninno, Prezioso, Lamacchia. All. Dazzaro A.
 
META: Tornatore, Schacker, Sanchez, Amoedo, Musumeci C., Lo Cicero, Silvestri, La Rosa, Vega, Dalcin, Coco. All. Samperi
 
MARCATORI: 4’29” p.t. Musumeci C. (M), 9’03” Amoedo (M), 9’49” s.t. Amoedo (M), 14’29” Filaninno (B)
 
AMMONITI: Bizzoca (B), Musumeci C. (M), Gabriel (B)
 
ARBITRI: Luca Micheli (Frosinone), Gennaro Cefalà (Lamezia Terme) CRONO: Domenico Ricco (Barletta)
 
“I ragazzi sono stati eccezionali, nonostante gli avvenimenti delle scorse ore che ci hanno portato ad affrontare una corazzata come quella della Meta in versione ampiamente rimaneggiata: di questo va dato merito ai ragazzi, che hanno sudato e dato il massimo per tutta la partita”. L’allenatore del Cristian Barletta Calcio a 5 Antonio Dazzaro vede il bicchiere mezzo pieno nonostante il ko interno per 1-3 contro la Meta in gara-1 della semifinale-playoff del girone B di serie A2.
 
 
A realizzare la rete della bandiera biancorossa è stato il giovane Fabrizio Filannino, fresco di convocazione per il raduno azzurro di categoria: “E’ stata una rete importante – evidenzia Dazzaro – che ha però concretizzato il gran lavoro di squadra sono contento e fiducioso per la partita di ritorno. Scenderemo in campo per dare il massimo e onorare la città, che ci ha sostenuto anche oggi. Siamo convinti di poter ribaltare il risultato, anche se la situazione non sembra alla nostra portata”.

 

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here