Consiglio Comunale: approvato il piano comunale di diritto allo studio

barlettanews - consiglio

Il consiglio comunale di Barletta ha approvato il piano comunale per il diritto allo studio per l’anno 2018. Un importante provvedimento che, come previsto dalla legge regionale  del 4 dicembre 2009 (giunta Vendola), va incontro soprattutto alle esigenze delle famiglie più umili soprattutto per ciò che concerne  libri di testo, mensa scolastica, servizi per alunni disabili, materiale didattico digitale, servizi di trasporto ecc.

Il provvedimento in questione prevede lo stanziamento di poco più di un milione e mezzo di Euro, di cui oltre due terzi stanziati dal Comune e la parte restante proveniente da finanziamenti regionali.

Così come accaduto lo scorso anno per il medesimo provvedimento, anche per ciò che concerne il 2018 il provvedimento è stato approvato con un emendamento a firma del consigliere di Sinistra Unita Carmine Doronzo – presidente della Commissione Cultura – che prevede lo spostamento di risorse da capitolo di spesa riguardante le scuole per l’infanzia paritarie senza scopo di lucro a quello riguardante il servizio di mensa scolastica.

Per le scarne note di cronaca, il provvedimento è stato approvato all’unanimità con venti voti favorevoli e tredici consiglieri assenti.

Da segnalare, all’apertura dei lavori un’iniziativa della consigliera Anna Rizzi-Francabandiera, la quale ha provveduto a far distribuire ai suoi colleghi una cartolina con l’immagine delle consigliere comunali allo scopo di sensibilizzare l’assise tutta alla tematica della violenza sulle donne, fisica e soprattutto verbale. La Francabandiera si è così resa portavoce delle altre consigliere comunali, manifestando vicinanza alla consigliera De Sario, alla presidente Peschechera, al centro queste ultime, durante l’ultimo consiglio comunale, di una feroce polemica con il consigliere Flavio Basile. Con quest’ultimo autore nell’occasione di frasario non proprio da romanticismo leopardiano.

La stessa presidente Peschechera, nel ringraziare la sua collega per l’iniziativa, ha dichiarato di ritenere doveroso ed obbligato, alla luce di quanto verificatosi durante il Consiglio Comunale dell’8 novembre, informare gli organismi preposti all’esame di situazioni integranti discriminazioni di genere, con riserva di agire anche in sede giudiziaria. Tutto questo al fine di tutelare sia il ruolo istituzionale, sia il suo essere donna.

Da notare infine l’adesione al Gruppo Misto della consigliera Grazia De Sario, la quale ha motivato la scelta di abbandonare Area Popolare in quanto in disaccordo con il resto di tale gruppo consiliare e soprattutto con le politiche dell’assessore ai servizi sociali Marcello Lanotte.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteWhat’s UP? I film in uscita al cinema… dal 30 novembre (parte 2)
Articolo successivo“13”: intervista ai creatori della serie web sulla Disfida di Barletta
Cosimo Campanella
Cosimo Campanella nasce a Barletta il 3 settembre del 1974. Entra nel mondo della fotografia come aiutante nel 1990 e dopo due anni di alterne fortune è costretto nel maggio del 1993 a lasciare per svolgere il servizio militare. Riesce a rientrarvi come aiutante video-maker affinando nel contempo la propria tecnica fotografica per un progetto a lungo termine. Nel febbraio 2011 inaugura lo studio fotografico Arte e Immagine a Barletta. Specializzatosi nella fotografia per cerimonie e nel video-editing non disdegna digressioni anche nel campo della fotografia in ambito storico-culturale e folkloristico. Cosimo Campanella collabora da marzo 2016 con il magazine Barletta News , scrivendo di sport, attualità, politica e cultura

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here