Consiglio comunale: si decide a febbraio il destino del Patto Territoriale Nord barese-ofantino

Patto territoriale-BarlettaNews

Riunitosi in seconda convocazione dopo l’ennesima mancanza del numero legale, il Consiglio Comunale di Barletta si è prevalentemente incentrato sul punto riguardante il “Piano di razionalizzazione straordinario delle partecipazioni societarie ex art. 24 del D. Lgs n. 175/2016” e soprattutto sulla spinosa questione riguardante il futuro più che nebuloso del Patto Territoriale Nord barese-ofantino.

Dopo l’illustrazione del punto da parte dell’assessore Pansini, alla presenza di un gruppo di dipendenti del Patto Territoriale, il sindaco Pasquale Cascella ha presentato un emendamento che in sostanza prevede, nel rispetto delle norme vigenti, la possibilità per il Patto Territoriale di provvedere ad una difficile razionalizzazione dei costi entro il 28 febbraio 2018, al fine di scongiurare quella che oggi pare una più che probabile uscita anche del comune di Barletta con conseguente dipartita dell’ente in questione.

Sull’argomento Patto Territoriale si sono rivelati degni di menzione gli interventi dei consiglieri Dario Damiani (Forza Italia), Maria Campese e Carmine Doronzo (Sinistra Unita), Cosimo Cannito (Socialisti), tutti piuttosto critici nei confronti di quella che è stata la gestione negli ultimi anni del Patto Territoriale, in particolare per quel che riguarda gli scarsi risultati dello sportello Europa, il mancato utilizzo delle competenze dei dipendenti del Patto per ciò che concerne le tematiche ambientali, le assunzioni del personale ispirate a criteri di vera e propria lottizzazione politica.

La consigliera Maria Campese ha inoltre chiesto nuovamente chiarimenti all’amministrazione sulle  presunte criticità su promozioni o avanzamenti di carriera in BARSA, soprattutto per quel che concerne le cariche dirigenziali.
Tuttavia tutti gli interventi in aula da parte dei consiglieri sopra citati, compreso quello del consigliere PD Cosimo Bruno (presidente della 1° Commissione consiliare – Affari Istituzionali),  hanno avuto come comune denominatore l’esigenza di salvaguardare il posto di lavoro dei 22 dipendenti del Patto Territoriale.

L’emendamento del sindaco Cascella è stato così approvato alla unanimità dai consiglieri presenti in aula. Gli stessi numeri con i quali è stato approvato l’intero provvedimento riguardante il “Piano di razionalizzazione straordinario delle partecipazioni societarie ex art. 24 del D. Lgs n. 175/2016”.

Subito dopo il rinvio  del punto riguardante interrogazioni ed interpellanze richiesto dal consigliere Salvemini, il sindaco Cascella ha introdotto il punto inerente il “riconoscimento e presa d’atto del debito fuori bilancio derivante dalla sentenza n. 2920/2015 – terza parte – Servizio Autonomo Contenzioso e Legalità” riguardante la condanna in sede civile del Comune di Barletta per i tragici fatti di Via Roma dell’ottobre 2011.
Concluso l’intervento del sindaco, si è passati direttamente alla votazione dove il provvedimento è stato approvato all’unanimità.

Dopo una domanda di attualità da parte del consigliere socialista Salvemini riguardante alcune criticità emerse nelle strutture cimiteriali, visto il lieve incidente di cui è stata vittima un’anziana cittadina, probabilmente  a causa di una pavimentazione sconnessa.

Poi, una volta ultimata la discussione su interrogazioni ed interpellanze, caratterizzata dagli interventi del consigliere Marzocca riguardanti prevalentemente la pulizia delle strade in alcune zone della città, il Consiglio Comunale è tornato alla sua “piena normalità”. Vale a dire all’ovvio scioglimento per mancanza del numero legale dopo la richiesta di verifica da parte della consigliera Rizzi- Francabandiera, con conseguenze rinvio a data da destinarsi della discussione sui restanti punti all’ordine del giorno, riguardanti altri sette debiti fuori bilancio.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteAsilo nido comunale a Barletta: da lunedì 2 ottobre ripartono le attività
Articolo successivo“Basta al degrado: insieme si può” – Video intervista ai membri del Comitato Operazione Aria Pulita e altri liberi cittadini
Cosimo Campanella
Cosimo Campanella nasce a Barletta il 3 settembre del 1974. Entra nel mondo della fotografia come aiutante nel 1990 e dopo due anni di alterne fortune è costretto nel maggio del 1993 a lasciare per svolgere il servizio militare. Riesce a rientrarvi come aiutante video-maker affinando nel contempo la propria tecnica fotografica per un progetto a lungo termine. Nel febbraio 2011 inaugura lo studio fotografico Arte e Immagine a Barletta. Specializzatosi nella fotografia per cerimonie e nel video-editing non disdegna digressioni anche nel campo della fotografia in ambito storico-culturale e folkloristico. Cosimo Campanella collabora da marzo 2016 con il magazine Barletta News , scrivendo di sport, attualità, politica e cultura

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here