Consiglio Comunale: approvati debiti fuori bilancio in aula semi-deserta

barlettanews - consiglio vuoto

E’ stata sufficiente mezz’ora al Consiglio Comunale di Barletta di giovedì 12 ottobre 2017 per approvare gli otto debiti fuori bilancio riguardanti sentenze della magistratura sfavorevoli al  Comune di Barletta per contenziosi che vanno dal semplice sinistro stradale al risarcimento di circa 40.000 Euro a favore di un dipendente comunale ingiustamente dequalificato, come  stabilito dalla Corte d’Appello di Bari.

Riunitasi in seconda convocazione – dopo la sospensione per la tradizionale mancanza del numero legale in aula del giorno precedente ed il rinvio del punto all’ordine del giorno inerente la retrocessione di aree site in Via degli Artigiani a favore di una ditta privata – , la massima assise cittadina si è conclusa con un plauso del sindaco Pasquale Cascella al “senso di responsabilità istituzionale” dei pochi consiglieri presenti in aula, al netto delle assenze giustificate dei consiglieri Campese e Doronzo (Sinistra Unita), Caracciolo (Partito Democratico), Cefola (Nuova Generazione) e Dicataldo (Buona Politica).

Numerose, tanto per cambiare, le defezioni nella maggioranza (PD in testa), tanto che ancora una volta i provvedimenti all’ordine del giorno sono passati grazie alla presenza in aula dei consiglieri di opposizione, ma ciò oramai non fa quasi più notizia.

Decisamente più impressione fa invece vedere per l’ennesima volta l’aula consiliare semi vuota.
Una costante, quella delle assenze ai consigli comunali che – unita al fatto che in questi anni a ravvivare il dibattito in aula con interventi più o meno tecnicamente validi sono quasi sempre gli stessi consiglieri  – dovrebbe indurre a serie riflessioni in primis il mondo politico barlettano a livello generale, e poi gli stessi elettori, dato che spesso, troppo spesso, ad assentarsi quasi “ad divinis” dalle sedute consiliari sono proprio alcuni tra i consiglieri più suffragati ad ogni tornata elettorale, salvo poi  il loro materializzarsi con un alone quasi mistico circa due o tre volte l’anno e per pochi minuti. Giusto il tempo di permettere l’approvazione dei bilanci e tenere in vita (o prolungarne l’agonia, a seconda dei unti di vista) l’amministrazione Cascella.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteIn anteprima la recensione di “It”, il ritorno trionfante di Pennywise
Articolo successivoAmmalati poveri, adorazione eucaristica ispirata da Don Salvatore Mellone
Cosimo Campanella
Cosimo Campanella nasce a Barletta il 3 settembre del 1974. Entra nel mondo della fotografia come aiutante nel 1990 e dopo due anni di alterne fortune è costretto nel maggio del 1993 a lasciare per svolgere il servizio militare. Riesce a rientrarvi come aiutante video-maker affinando nel contempo la propria tecnica fotografica per un progetto a lungo termine. Nel febbraio 2011 inaugura lo studio fotografico Arte e Immagine a Barletta. Specializzatosi nella fotografia per cerimonie e nel video-editing non disdegna digressioni anche nel campo della fotografia in ambito storico-culturale e folkloristico. Cosimo Campanella collabora da marzo 2016 con il magazine Barletta News , scrivendo di sport, attualità, politica e cultura

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here