Consegnati i lavori per la rimozione del cancello del vecchio ospedale e la riqualificazione di piazza Umberto

Sono stati consegnati questa mattina i lavori per la rimozione della recinzione del vecchio nosocomio cittadino, in piazza Principe Umberto, per restituire alla pubblica fruibilità quello spazio.

Oltre al sindaco Cosimo Cannito e al direttore generale della Asl Bt, Alessandro Delle Donne, erano presenti, fra gli altri, gli assessori ai lavori pubblici Gennaro Calabrese e alle manutenzioni Lucia Ricatti; il responsabile dell’area tecnica della Asl Carlo Ieva,  il direttore dei lavori, ingegnere Antonio Farano, il progettista ingegnere Marcello Tedone, l’impresa Corime che si è aggiudicata i lavori, finanziati dalla Asl, che dureranno 120 giorni, circa quattro mesi, per un importo di 215.739,71 euro.

Essi consisteranno, come ha spiegato l’ingegnere Ieva, nella rimozione oltre che della recinzione anche dei gabbiotti, nel consolidamento del piano strada che dovrà essere anche livellato con la piazza adiacente e ripavimentato. Sarà realizzata una rampa carrabile per l’ambulanza della postazione del 118, con un dissuasore elettrico e una struttura in vetro dove sarà allocata, mentre soso stati previsti degli stalli per i mezzi aziendali nelle ore di lavoro.

“Quello di oggi è il risultato di una collaborazione istituzionale  fra Asl e Comune che non è mai venuta meno – ha detto il direttore generale della Asl – e suggelliamo con un atto concreto un lungo percorso istruttorio, per restituire alla cittadinanza l’uso di questa piazza”. Delle Donne ha espresso parole di gratitudine alla città e al comune per avere concesso l’uso di questo spazio dal 1968.

Il sindaco Cannito ha ricordato l’impegno dell’ex consigliera comunale Grazia Desario nel dare l’impulso a tale epilogo, sottolineando, d’altro canto, l’importanza del lavoro svolto dall’Amministrazione comunale e dagli uffici comunali, insieme alla Asl nell’ultimo anno per arrivare a trovare le soluzioni più utili e idonee per la gestione degli spazi e dei mezzi senza rischiare che l’azienda sanitaria dovesse spostare gli uffici altrove con grande disservizio per i cittadini utenti.

“Quello di oggi – ha detto Cannito – è il frutto di tanto lavoro e perseveranza che non sarebbe stato possibile senza la volontà e la collaborazione di tutti, del direttore generale della Asl BT  e dei dirigenti dell’area tecnica dell’azienda sanitaria, come dei dirigenti dell’area tecnica del comune e degli assessori che ringrazio”.

“Ora mi auguro – ha aggiunto il primo cittadino – che con la riqualificazione urbana di questo spazio arrivi anche una riqualificazione sociale e di decoro di questo luogo, uno spazio comune nel quale creare comunità”.

 

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here