Conferenza stampa – Ordinanze di custodia cautelare tra Andria e Barletta

Accusati di violenza privata e minacce gravi anche 8 barlettani

1

Per gli eventi delittuosi – in ambito della protesta dei Forconi – registrati a Barletta nella giornata dell’11 dicembre 2013, è stata disposta l’applicazione della misura cautelare a carico di 8 soggetti, che in concorso tra loro, con minacce di gravi ed ingiusti danni, hanno indotto gli automobilisti in transito su una pubblica piazza ad arrestare la marcia, arrivando anche a colpire con calci e pugni quanti si opponevano al blocco della circolazione imposto con la forza.

È quanto apprendiamo durante la conferenza stampa tenutasi poche ore fa nell’Ufficio del Procuratore di Trani, Carlo Maria Capristo, a cui hanno preso parte il prefetto della Provincia BAT e i questore di Bari. Le ordinanze rese note questa mattina sono state emesse dal G.i.p. della Procura di Trani, Dott. Francesco Messina, su richiesta del Sostituto Procuratore Dott. Luigi Scimè.

Sono state disposte misure cautelari, quali arresti domiciliari e obbligo di dimora, per tutti quei soggetti che, infiltratisi singolarmente tra i pacifici manifestanti, hanno dato sfogo a comportamenti violenti e illegali, boicottando le reali intenzioni della protesta. Grazie ad accertamenti minuziosi e un paziente lavoro investigativo è stata individuata una cerchia di 25 persone in cui si sono distinti pregiudicati già noti alle forze dell’ordine e soggetti appartenenti a frange estremiste della tifoseria che tra il 9 e l’11 dicembre hanno originato non pochi disagi tra Andria e Barletta, tant’è che due delle accuse mosse nei loro confronti sono quelle di violenza privata e minacce gravi.

2

 In particolare nella giornata del 9 dicembre i commercianti del Centro Commerciale Mongolfiera sono stati costretti a chiudere i loro esercizi in maniera violenta. Stessa cosa per altri negozianti delle due città pugliesi che a causa di minacce e intimidazioni non hanno potuto rispettare l’orario di apertura/chiusura e in alcuni casi non sono ‘riusciti’ a denunciare l’accaduto. Inoltre, alcuni dei 25 soggetti sopracitati, dopo aver inveito violentemente contro gli impiegati e i clienti della Banca Credem hanno costretto il direttore a chiudere lo sportello bancario.

Come è stato sottolineato durante la conferenza, sono stati violati i normali principi di legalità su cui dovrebbe basarsi il nostro Paese. Fortunatamente però, la gente che abusa impropriamente della parola ‘sciopero’ per compiere atti vandalici ai limiti dell’inciviltà, rispecchia solo una minoranza degli individui, infatti ad essere additati dalla giustizia sono stati singoli elementi e non un intero movimento. E a quanto pare le sorprese non sono ancora finite: nuovi arresti sarebbero in arrivo.

 

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedentePrima Giunta del 2014, tra vecchi debiti e nuovi impegni
Articolo successivoQual è il giusto confine tra l’assistenza doverosa e l’accanimento terapeutico?
Giusy Del Salvatore
Giusy Del Salvatore è nata a Barletta nel 1987. Nella città pugliese porta avanti le sue attività di giornalista, blogger, copywriter, web marketing specialist e social media manager. Dopo la maturità classica conseguita presso il liceo classico “A. Casardi” di Barletta si è laureata in Editoria e Giornalismo presso l’Università degli studi di Bari. Successivamente ha frequentato il “First Master in Giornalismo", il master di “Formazione giornalistica ed editoriale”, il master in "Giornalismo Digitale" e il master in "Social Media e Digital Marketing". È appassionata di ecologia, salvaguardia animale/ambientale, poesia, letteratura, architettura, design, web e social media marketing. Ha iniziato a scrivere professionalmente occupandosi di cinema e spettacolo per la rivista Ecodelcinema mantenendo viva l'emozione della prima pubblicazione. È stata caposervizio del mensile ControStile, affrontando argomenti di ogni genere, realizzando interessanti interviste ed inchieste. Ha collaborato con il quotidiano d'informazione tecnologica HwGadget, con la rivista online LSD Magazine e con il settimanale TempoVissuto scrivendo articoli di approfondimento sociale. Nel 2012 con Aletti Editore ha pubblicato un libro di poesie intitolato "Chiamale come vuoi - Siamo solo poeti incompresi" riscuotendo discreto successo e vari apprezzamenti. Ha ricevuto molteplici premi e riconoscimenti in diversi concorsi poetici e letterari, pubblicando numerose poesie in antologie tematiche. Nel 2016 ha pubblicato la raccolta di poesie illustrate "Criptica come la Luna", edita da Alter Ego, finalista al Premio Carver 2016. È autrice dell’eco-blog Mela Verde News in cui e vengono trattati e approfonditi argomenti relativi alla sfera green. Attualmente è Direttore Responsabile di Barletta News e lavora come freelance per aziende e privati nell’ambito del web e social media marketing. In qualità di esperta coordina gli alunni del liceo scientifico Carlo Cafiero di Barletta nel progetto di alternanza scuola-lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here