Confagricoltura: “Controlli contro caporalato rallentano produzione”, un incontro per rivedere le misure

caporalato immigrati coldiretti

Si è svolto presso la Prefettura di Bari l’incontro richiesto dalla Federazione regionale di Confagricoltura per discutere delle modalità con le quali, ormai da dieci giorni, si stanno svolgendo nelle campagne pugliesi i controlli contro il caporalato.

All’incontro con il viceprefetto Francesco Antonio Cappetta hanno partecipato il presidente di Confagricoltura Puglia, Donato Rossi, il presidente di Confagricoltura Bari, Michele Lacenere, e il presidente dell’Associazione produttori ed esportatori ortofrutticoli (Apeo), Giacomo Suglia.

I rappresentanti degli imprenditori agricoli pugliesi hanno confermato l’adesione delle Organizzazioni alle finalità del piano di controlli partito lo scorso 1° agosto e ribadito l’impegno di Confagricoltura all’applicazione e diffusione del “Lavoro agricolo di qualità”.

“Ma sulle modalità con cui si stanno svolgendo le ispezioni chiediamo un intervento regolatore – dice Donato Rossi – perché le nostre aziende stanno subendo verifiche lunghissime che durano intere giornate lavorative, che tengono bloccati gli operai in un clima vessatorio, e che determinano fortissimi ritardi nell’attività lavorativa”.

Non solo. “I ritardi accumulati nel ciclo di raccolta, stoccaggio e trasferimento delle merci – spiega Rossi – stanno determinando l’applicazione a carico delle nostre aziende delle pesantissime penali previste dai contratti con la Grande Distribuzione Organizzata, nell’ordine anche di 15mila euro per carico”.

Per queste ragioni Confagricoltura Puglia, Confagricoltura Bari e Apeo hanno chiesto al prefetto un intervento per rivedere le modalità di svolgimento delle ispezioni. Il viceprefetto Francesco Antonio Cappetta ha confermato che la situazione va affrontata rapidamente, per non vanificare il lavoro delle aziende agricole pugliesi, e si è impegnato a trasferire le istanze delle Organizzazioni pugliesi al tavolo tecnico attivo sul caporalato presso i Ministeri del Lavoro e dell’Agricoltura.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here