Ulteriore intervento nel cimitero comunale di Barletta, questa mattina, voluto dal sindaco Cosimo Cannito al fine di migliorare il decoro e la pulizia dei luoghi e del patrimonio.

Già dal mese di luglio scorso il primo cittadino aveva fortemente chiesto alla cittadinanza di rimuovere suppellettili, scale, sedie, utensili da giardinaggio, recinzioni abusive e quant’altro, non di proprietà comunale, lasciato nel Cimitero, anche legato con catene ad alberi e pali.

Si sono di fatto concluse questa mattina le operazioni di rimozione di quanto ancora rimasto.

Grazie alla collaborazione di Barsa e della Polizia municipale, d’intesa con il Settore Ambiente del Comune, stamani sono stati compiuti, oltre ai normali interventi di pulizia e manutenzione, interventi importanti di spazzamento meccanizzato dei viali, il taglio della vegetazione in eccesso e la pulizia della cappella dei Caduti in guerra.

“Non mi stancherò mai – dichiara il sindaco Cannito – di preoccuparmi dello stato di questo luogo come pure della nostra città e, per questo, chiedo ai cittadini di continuare a collaborare alla cura dei nostri beni e, in particolare, di luoghi che richiedono una particolare attenzione per il loro significato. Il Cimitero è un luogo di culto che va rispettato e custodito”.

Si ricorda, inoltre, che due settimane fa sono stati eseguiti i lavori di adeguamento, risanamento conservativo e  messa in sicurezza, a cura della ditta Lacogeit srl, in sei sezioni di nicchie, ciascuna delle quali si estende lungo diversi isolati, a garanzia della sicurezza dei luoghi e per migliorarne il decoro. Mentre la ditta incaricata della fornitura, montaggio e collaudo di 16 scale scorrevoli, la FEDA srl, completerà il suo intervento entro il 13 ottobre prossimo. Intanto la stessa ditta, su proposta del sindaco Cannito, ha fornito gratuitamente un’ulteriore scala con particolari caratteristiche adatte a una zona dove la larghezza del marciapiede risulta particolarmente  ridotta. Se la suddetta scala fornirà le opportune garanzie di sicurezza ne saranno acquistate altre.

 

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here