Ciappetta-Camaggio: Barzelletta al veleno

Solo rigagnoli di parole senza soluzioni

La storia del Ciappetta-Camaggio ha le sfumature di una tetra barzelletta: più si tinge di nero, meno si corre ai ripari. Qualche giorno fa, dopo la segnalazione di alcuni cittadini, si è quasi gridato allo scandalo per la comparsa di una schiuma biancastra nelle acque del canale. Rifiuti tossici? Scarichi di reflui irregolari? Resti di animali che tornano a galla? Niente di anomalo se si pensa che da tempi immemori viviamo a stretto contatto con una discarica liquida a cielo aperto, spesso e volentieri utilizzata abusivamente per irrigare i campi circostanti, i cui prodotti dopo aver imbandito le tavole, distruggono silenziosamente il nostro organismo.

Su predisposizione del Servizio per la Tutela dell’Ambiente del Comando della Polizia locale, il sindaco Pasquale Cascella ha anche trasmesso un rapporto alla Procura della Repubblica (servirà?) tra le cui righe si legge: «La clamorosa evidenza dei fenomeni di questi giorni conferma la complessità e la gravità delle minacce d’inquinamento al nostro patrimonio naturalistico e ripropongono tutta l’evidenza di controlli adeguati e di provvedimenti approfonditi per la manutenzione ordinaria e straordinaria del Canale e soprattutto di interventi strutturali per la bonifica e la restituzione al territorio di quella che deve e può essere una straordinaria risorsa ambientale». Anche il consigliere regionale Franco Pastore è intervenuto sulla vicenda: «Spero che sul Ciappetta-Camaggio si posi finalmente uno sguardo profondo, a cui seguano interventi adeguati. Solo pochi mesi fa furono trovate tracce di escherichia coli, un pericoloso batterio che può portare al manifestarsi della Seu (diagnosticata tra luglio e agosto su venti pazienti, ndr). Bisogna incrementare i controlli e cominciare non a parlare, come si è fatto fino a ora, ma a lavorare per la bonifica di quel canale».

I sindaci di Barletta, Andria, Trani e il rappresentante della Provincia Domenico Campana, riunitisi per i “Patti per le Città”, hanno colto l’occasione per avanzare ipotesi risolutive riguardo la rischiosa situazione del canale che versa in perenne stato di inquinamento, sollecitando la mobilitazione di tutte le autorità competenti per il controllo e la tutela della pubblica incolumità nelle aree bagnate dal corso d’acqua. I veleni del canalone colpiscono direttamente Andria e Barletta (indirettamente Trani) minacciando il patrimonio naturale e la salute pubblica. Non dobbiamo dimenticare, inoltre, che da molto tempo anche il depuratore di Andria è stato bollato come ‘non idoneo’, tant’è che rifiuti di ogni genere e resti animali continuano a sfociare in mare proseguendo il loro indisturbato e nefasto cammino, talvolta intercettato da bagnanti e vacanzieri occasionali che, tramite scatti rubati, irritazioni cutanee e disturbi di vario genere, riaprono le porte di un cerchio che sembra destinato a non chiudersi mai. Quando le parole lasceranno spazio ai costosi interventi di bonifica a lungo rimandati, allora – forse – potremo gridare al vero scandalo e raccontare un’altra storia

 

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteTassa che va, tassa che viene: niente mini-Imu per la Città della Disifida
Articolo successivoBarlettani, cittadini del mondo imparando l’inglese
Giusy Del Salvatore
Giusy Del Salvatore è nata a Barletta nel 1987. Nella città pugliese porta avanti le sue attività di giornalista, blogger, copywriter, web marketing specialist e social media manager. Dopo la maturità classica conseguita presso il liceo classico “A. Casardi” di Barletta si è laureata in Editoria e Giornalismo presso l’Università degli studi di Bari. Successivamente ha frequentato il “First Master in Giornalismo", il master di “Formazione giornalistica ed editoriale”, il master in "Giornalismo Digitale" e il master in "Social Media e Digital Marketing". È appassionata di ecologia, salvaguardia animale/ambientale, poesia, letteratura, architettura, design, web e social media marketing. Ha iniziato a scrivere professionalmente occupandosi di cinema e spettacolo per la rivista Ecodelcinema mantenendo viva l'emozione della prima pubblicazione. È stata caposervizio del mensile ControStile, affrontando argomenti di ogni genere, realizzando interessanti interviste ed inchieste. Ha collaborato con il quotidiano d'informazione tecnologica HwGadget, con la rivista online LSD Magazine e con il settimanale TempoVissuto scrivendo articoli di approfondimento sociale. Nel 2012 con Aletti Editore ha pubblicato un libro di poesie intitolato "Chiamale come vuoi - Siamo solo poeti incompresi" riscuotendo discreto successo e vari apprezzamenti. Ha ricevuto molteplici premi e riconoscimenti in diversi concorsi poetici e letterari, pubblicando numerose poesie in antologie tematiche. Nel 2016 ha pubblicato la raccolta di poesie illustrate "Criptica come la Luna", edita da Alter Ego, finalista al Premio Carver 2016. È autrice dell’eco-blog Mela Verde News in cui e vengono trattati e approfonditi argomenti relativi alla sfera green. Attualmente è Direttore Responsabile di Barletta News e lavora come freelance per aziende e privati nell’ambito del web e social media marketing. In qualità di esperta coordina gli alunni del liceo scientifico Carlo Cafiero di Barletta nel progetto di alternanza scuola-lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here