Challenger ATP, Elias Ymer batte Adam Pavlasek

Evidentemente era tutto scritto, e forse è giusto che sia andata così. La vittoria di Elias Ymer su Adam Pavlasek nella finale del singolare agli Open ATP di Barletta – dopo quella nel doppio firmata Brunstrom-Siljestrom – sancisce il dominio svedese nella edizione 2016 del Challenger barlettano.
La supremazia dei figli del dio Odino viene definitivamente sancita da un’ora e mezza di puro spettacolo degno dei tornei del Grande Slam con il diciannovenne colored di Stoccolma autore insieme al suo degnissimo avversario ceco di un match in cui, dopo una fase iniziale in cui dopo una fase iniziale relativamente breve di studio, i due contendenti hanno iniziato a sciorinare scambi intensi alternati a coli di altissima scuola.
Si comincia con Ymer che va al servizio ma Pavlasek mette subito in chiaro le cose portandosi sul 30-0. Tuttavia il ceco scopre ben presto di non avere a che fare con gli avversari dei turni precedenti subendo la rimonta di Ymer che vince così il primo game. Va al servizio il ventunenne moravo che areggia abbastanza agevolmente il conto. Torna al servizio Ymer che subisce la potenza di Pavlasek che si porta sul 40-0, ma come abbiamo detto in precedenza lo svedese ha ben altra consistenza rispetto ai precedenti avversari di Pavlasek ed anche stavolta riesce a risalire annullando tutte e tre le palle break al suo avversario. Saranno le ultime palle break che Ymer concederà al suo forte avversario. Il primo set continua nel suo avvincente equilibrio sino al 5-5 quando lo svedese prima mantiene ancora una volta il servizio e poi sfrutta magistralmente una delle pochissime palle break concesse dal ceco in questo torneo, aggiudicandosi così per (7-5) la prima partita.
L’andamento del secondo set è pressoché identico a quello del primo perché il gioco si mantiene avvincente e spettacolare. Si tratta di una delle classiche sfide che vengono decise da un singolo episodio che puntualmente si verifica nell’unica palla break concessa da Pavlasek che Ymer trasforma nel vantaggio decisivo che lo porterà alla vittoria per (6-4) del secondo set, del match e del torneo tra l’entusiasmo del numerosissimo pubblico accorso in mattinata al campo centrale del Circolo Tennis “Hugo Simmen” per godersi uno spettacolo verso un evento che la nostra città ha riscoperto alla grande dopo quattro anni di oblio.
Ad Adam Pavlasek vanno comunque fatti i complimenti perché ha mostrato per l’intero arco del torneo un tennis maledettamente solido e concreto non disdegnando, quando servivano, giocate di altissima classe. Ma il fatto che per la prima volta dall’inizio degli Open Pavlasek sia stato spesso costretto, come mai nelle partite precedenti, ad affannosi recuperi a bordo campo da l’idea della forza e della qualità di Elias Ymer che ha meritato questo successo. Una importante affermazione che potrebbe costituire il viatico per una luminosa carriera.
Fu così che agli Open ATP di Barletta 2016 si alzò dominante il vessillo giallo-blu di Svezia. Evidentemente Odino aveva deciso così.

A cura di Cosimo Campanella

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteCriminal: ibrido sci-fi malfermo tra action e piano emozionale
Articolo successivoPubblicati i bandi per la manutenzione di strade e verde urbano nel Comune di Bisceglie
Cosimo Campanella
Cosimo Campanella nasce a Barletta il 3 settembre del 1974. Entra nel mondo della fotografia come aiutante nel 1990 e dopo due anni di alterne fortune è costretto nel maggio del 1993 a lasciare per svolgere il servizio militare. Riesce a rientrarvi come aiutante video-maker affinando nel contempo la propria tecnica fotografica per un progetto a lungo termine. Nel febbraio 2011 inaugura lo studio fotografico Arte e Immagine a Barletta. Specializzatosi nella fotografia per cerimonie e nel video-editing non disdegna digressioni anche nel campo della fotografia in ambito storico-culturale e folkloristico. Cosimo Campanella collabora da marzo 2016 con il magazine Barletta News , scrivendo di sport, attualità, politica e cultura

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here