Celebrazioni Disfida, Pastore: “Barletta guarda al futuro riappropriandosi del suo passato”

Giunge, finalmente meditata,una nota di consenso  del Consigliere Regionale Franco Pastore sull’evento “ Celebrazioni Disfida”.  Un messaggio che volentieri pubblichiamo perché riteniamo distensivo in un contesto politico esacerbato e  parzialmente, politicamente giustificato.  Di meditazioni e di critiche oggettive ha bisogno una città che, come scrive Pastore, vuole guardare al futuro riappropriandosi del suo passato.

1604588_671170796258246_980982160_aTorna la Disfida a Barletta, dopo oltre un decennio la città si ritroverà intorno alla sua storia, al suo passato e lo farà con un respiro nuovo, ad un tempo meno localistico e risultato della risposta della città, dei barlettani, dei nostri studenti, delle nostre sarte e maestranze dello spettacolo, dei nostri registi e gruppi storici, dei ristoratori e produttori, dei fotografi barlettani.

Questo sentimento, però, questa voglia di celebrare la propria storia, un evento intorno al quale ci si ritrova, non è solo e tutto merito della Disfida. Forse è anche indicativo di altro.

La città ha bisogno di ritrovarsi intorno a qualcosa e i barlettani di essere coinvolti, appassionati, portati in città, nelle strade di Barletta, dentro i suoi monumenti, a scoprire i suoi talenti. Vogliono, insomma, una città viva, una città alla quale sono disposti a dare tanto e lo hanno dimostrato in questa occasione.

Quello che succederà in città fino a domenica prossima sono sicuro che sarà solo un inizio. Le risorse sono risicate, il comune non ha potuto attingere a fondi e finanziamenti più congrui, ma solo per questa volta perché Barletta saprà dimostrare, mi auguro, in discontinuità col passato, di avere dei progetti per il futuro, a cominciare dalla Disfida ma per molto di più.

Lo stesso spirito e sentimento di coinvolgente operosità deve animare gli amministrati locali nella sfida più grande del momento, la crescita della città, culturale, economica, occupazionale.

 

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here