“Quanto accaduto ieri è gravissimo e lesivo del benessere dei cittadini, si tratta di azioni criminali, i cui responsabili dovranno essere individuati e perseguiti e dovranno rendere conto alla città e ai cittadini di questo oltraggio”.

Lo ha detto il sindaco di Barletta, Cosimo Cannito aprendo la conferenza stampa convocata con urgenza per fare il punto della situazione e informare la cittadinanza sui provvedimenti adottati e i controlli effettuati dopo che, ieri sera, si è verificato il persistere in tutta la città di un odore forte e acre che rendeva l’aria malsana e irrespirabile. Un fenomeno che, se pure non nuovo, ieri si è manifestato in maniera insopportabile arrivando, in una calda serata di estate, a limitare la libertà dei cittadini, che hanno dovuto chiudersi in casa. Per questo il sindaco ha annunciato i primi provvedimenti, fra cui il coinvolgimento della Procura della Repubblica di Trani, con la preparazione di un esposto contro ignoti, e la convocazione di un consiglio comunale straordinario e monotematico, per informare la cittadinanza e coinvolgerla.

“Siamo arrabbiati perché ci si sente impotenti davanti a questo fenomeno che persiste nonostante i nostri sforzi per cercare di capirne la causa e nonostante il coinvolgimento e la collaborazione dei cittadini. E a questo, poi – ha proseguito il primo cittadino – si aggiungono le speculazioni di chi, in una parte dell’opposizione, strumentalizza politicamente il problema anziché unire le forze. Chi specula su queste cose è uguale a chi ne è responsabile”. D’altro canto, una attestazione di vicinanza per quanto sta accadendo e l’impegno a sollecitare gli organi preposti, è invece arrivata al primo cittadino da parte della senatrice Assuntela Messina.

“I controlli ieri sera sono stati immediati – ha aggiunto l’assessore all’Ambiente Ruggiero Passero – e da essi è emerso che le aziende che insistono sul territorio cittadino non erano operative. Abbiamo inoltre interpellato l’Arpa che ci fornirà i dati registrati dalle centraline che, però, rilevano solo gli inquinanti, mentre per le emissioni odorigene attiverà indagini specifiche”. “Anche noi e i nostri figli respiriamo questa stessa aria e su questa vicenda la volontà dell’Amministrazione comunale – hanno concluso sindaco e assessore – è quella di riuscire a individuare i responsabili di questi atti scellerati, raggiungeremo questo risultato”.

Il sindaco Cannito, inoltre, ha verificato se al pronto soccorso ieri vi siano stati accessi legati all’aria malsana. “Non è accaduto – ha riferito – ma non vuol dire nulla perché il cattivo odore è stato avvertito in modo pesante e molesto”. Cannito ha anche sentito il sindaco di Trani per comprendere se anche lì si fosse verificato lo stesso fenomeno. Cosa che ieri non è accaduta ma due giorni fa sì e per tale motivo anche a Trani sono in corso verifiche.

Il comandante della Polizia municipale Savino Filannino ha riferito dei controlli scattati ieri sera nell’immediato del verificarsi del fenomeno e viste le numerose segnalazioni dei cittadini che arrivavano al comando della polizia municipale a partire dalle 21.30. Verifiche e controlli che non hanno portato a rilevare alcuna anomalia nel territorio cittadino. Il presidente del consiglio comunale Sabino Dicataldo ha sottolineato l’importanza del consiglio comunale straordinario e monotematico, la conferenza dei capigruppo che si riunirà domani pomeriggio deciderà se celebrarlo mercoledì come auspicato. “Il consiglio comunale sarà aperto ovviamente alla cittadinanza e chiederemo la presenza delle forze dell’ordine perché tutti siamo coinvolti in questa vicenda, perché la salute è di tutti”.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here