Cattivi odori e amianto in piena vista, la denuncia di Barletta Azione 360°

Riportiamo qui di seguito la segnalazione di Barletta azione 360° riguardante la presenza fastidiosa di cattivi odori provenienti da una stazione di rifornimento di carburante e la vicina presenza di capannoni con tetto in eternit in pessime condizioni: 

Gentilissima redazione siamo qui a comunicarvi una segnalazione a noi pervenuta da dei cittadini residenti in un condominio situato a Barletta in Via Regina Margherita N°282. Gli stessi, lamentano da tempo la presenza di una stazione di rifornimento carburanti di recentissima apertura situata a non più di 30 metri dal loro condominio, lamentando disagi legati ai cattivi odori derivanti dal fatto che periodicamente la cisterna dei rifornimenti provoca al momento dello scarico carburante cattivi odori, aggiungendo anche la problematica relativa il traffico veicolare che in presenza della stessa,provoca disagi in maniera notevole.

Noi ci chiediamo se tale situazione possa essere tollerabile, visto che in tutta Italia si sta applicando la giusta linea a tutela della salute e dell’ambiente che prevede il decentramento delle stazioni di rifornimento dai siti urbani antropizzati. A tale scopo, Barletta Azione 360° ha già inoltrato al Signor Sindaco Pasquale Cascella, e agli Assessorati preposti all’ambiente ed alle attività produttive,un protocollo atto ad informare l’Amministrazione di tale risentimento cittadino senza ricevere ad oggi alcuna risposta.

Inoltre un cittadino residente,successivamente ci ha inviato una segnalazione inerente lo stesso condominio,che di seguito riportiamo:

“Gentilissima Associazione Barletta azione 360°,sono un condomino residente nel condominio situato in Via Regina Margherita n°282. Essendo venuto a conoscenza dell’iniziativa per cercare di contrastare l’apertura del benzinaio, volevo far presente anche che dall’altra parte, rispetto a dove verrà aperto il benzinaio, abbiamo capannoni con il tetto di amianto in pessimo stato. Ho già scritto mesi fa all’amministratore che dovrebbe aver mandato una pec agli enti competenti che ad oggi non hanno dato risposta,(almeno io non ne ho mai avuta). Quindi dovremmo avere il distributore da una parte e l’amianto dall’altra?

Cosa dire? Il silenzio delle istituzioni segnalato dai cittadini per noi che siamo ormai da anni vicini ai cittadini e sempre più spesso portatori delle loro istanze, fa ormai parte della normalità, ma si sappia non lo accetteremo e non lo avvalleremo mai, è infatti colpevole chi chiede la fiducia dei cittadini in periodo elettorale ed una volta eletto si distacca da essi e dai problemi cittadini da risolvere, per impegnarsi piuttosto in beghe di partito legate ai propri interessi personali.

Auspichiamo che questo articolo possa portare l’assessore all’ambiente Antonio Divincenzo,l’assessore alle attività produttive Giuseppe Gammarota, ed il Sindaco Pasquale Cascella, ad interessarsi e ad approfondire in maniera celere e pronta le denunce esplicate dai cittadini interessati per verificare la reale situazione legata alle suddette problematiche. Nel caso si riscontri dai rilievi una situazione di inquinamento ambientale chiediamo all’amministrazione di intervenire in maniera risolutiva a favore della salute e dell’ambiente dei cittadini di Barletta.

Salvatore Martire
Segretario e Coordinatore – Barletta azione 360°

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here