Caracciolo, riflessione sulla graduatoria Bar.S.A. e sulla scelta dei laureati

caracciolo

La pubblicazione della graduatoria definitiva del concorso per 13 posti di operatore ecologico in Bar.s.a. Impone una riflessione su quella che è la situazione socio-economica del nostro territorio”. Ad intervenire sul tema è il consigliere regionale Filippo Caracciolo.

Scorrendo i nomi dei vincitori del concorso- spiega Caracciolo- balza agli occhi un dato in particolare: si tratta per la maggior parte di giovani laureati a pieni voti ed a loro va tutta la mia ammirazione per una scelta coraggiosa. Il ruolo di operatore ecologico è stato nel corso degli anni oggetto di stereotipi negativi, ma grazie allo sviluppo culturale di quello che prima era netturbino ed ora è operatore ecologico questo mestiere ha assunto oggi una dignità più consona ai tempi in cui viviamo. A tal proposito mi preme evidenziare la determinazione assunta dall’amministratore unico e dal management Bar.s.a. nel voler premiare il merito, alzando l’asticella della qualità nell’interpretazione di questo ruolo”.

Questo risultato però- prosegue il consigliere regionale – impone un’alta considerazione: i vincitori del concorso avrebbero potuto aspirare a qualcosa di più consono alla propria formazione ed invece per ottenere un posto di lavoro sicuro e garantirsi un futuro senza essere costretti ad emigrare sono stati disposti a calarsi in una realtà del tutto diversa”.

Da questi dati – aggiunge Caracciolo- dobbiamo trarre spunto per offrire ai giovani del nostro territorio le opportunità che meritano, con la garanzia che vadano a soddisfare nella maniera più ampia possibile le aspirazioni coltivate con anni di studi e sacrifici loro e delle loro famiglie”.

Auguro ai tredici nuovi assunti un buon lavoro, con l’auspicio – conclude Caracciolo- che la loro cultura del lavoro sia da esempio per tutti in un percorso di costante crescita.”

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here