Caracciolo: “Ciappetta-Camaggi, importante e decisivo tavolo tecnico”

Si terrà oggi il Tavolo Tecnico, fortemente voluto dal consigliere regionale del Partito Democratico, Filippo Caracciolo, Presidente della V Commissione della Regione Puglia, convocato dall’Autorità di Bacino della Puglia nell’ambito delle attività connesse all’emergenza infrastrutturale del canale Ciappetta-Camaggi, in riferimento all’intervento di adeguamento delle sezioni idrauliche del ponte della S.S. 170 Andria-Barletta e di un tratto di canale a valle dello stesso.

A darne notizia è il consigliere regionale Filippo Caracciolo: “L’intervento in questione, a carico dell’ANAS S.p.A, per un importo complessivo di circa 5.400.000 Euro, consentirà di mitigare, se non di scongiurare del tutto, la pericolosità idraulica collegata al Canale Ciappetta-Camaggi e riguardante ampie porzioni del territorio del Comune di Barletta comprese tra Via Andria e Via Trani. Tali lavori, con l’allargamento complessivo della sezione idraulica del Ciappetta-Camaggi fino a circa 24 m (rispetto ai 15 m circa attuali), permetteranno, dunque, di ridurre al minimo,  i rischi connessi alle frequenti esondazioni che interessano le infrastrutture, gli  insediamenti produttivi e, più in generale, il tessuto urbano della suddetta area della città di Barletta, anche in virtù di quelli che saranno i lavori di abbattimento del passaggio a livello di Via Andria”.

“Il Tavolo Tecnico in questione – continua Filippo Caracciolo – consentirà finalmente di mettere a punto tempi e costi relativi agli interventi di eliminazione delle interferenze idriche presenti, consistenti in tre condotte dell’Acquedotto Pugliese S.p.A., e saranno propedeutici al prosieguo delle attività di progettazione esecutiva e di realizzazione dell’importante opera. I lavori di spostamento delle condotte verranno operati da AQP e, stando a quanto preventivato dall’Autorità Idrica Pugliese, saranno a carico dei proventi tariffari. Questi interventi, naturalmente, rappresentano oggi il primo stralcio di un progetto strategico più complesso (il PST4) come definito nel Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (PTCP della Provincia BAT). Si tratta di un vero e proprio masterplan pensato a scala di bacino che prevede la rinaturalizzazione dell’antica Valle della Lama Piscina, a prolungamento della Valle della Lama di Castro, nel segno degli antichi nomi del canale Ciappetta-Camaggi. Il masteplan PST4 prevede, difatti, la messa in opera di un vero e proprio corridoio ecologico mediante interventi di mitigazione del rischio idraulico e di alleggerimento dell’impatto degli scarichi antropici, attraverso opere da realizzare a monte dell’abitato di Andria,  nel tratto a valle sino a Barletta, e in corrispondenza dell’area di foce in località Falce del Viaggio”.

“Il Tavolo Tecnico di martedì – aggiunge Filippo Caracciolo – rappresenta un importante passo in avanti rispetto ad una problematica atavica per il territorio ed in particolare per i Comuni di Barletta e di Andria. Già nei mesi scorsi, appena insediatomi alla Presidenza della V Commissione Regionale Ambiente, avevo sollecitato i vari enti preposti ad accelerare i tempi di risoluzione delle problematiche relative al canale Ciappetta-Camaggi sfociate in più circostanze nell’esondazione dello stesso con ingenti danni alle aree viciniori al centro urbano della città di Barletta. Il mio impegno sulla questione continua per garantire lavori e tempi certi atti a scongiurare il ripetersi di analoghi fenomeni che già in troppe occasioni hanno minato la serenità dei residenti mettendo in ginocchio numerose imprese operanti nella zona compresa tra via Andria, via Callano e via Trani”.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here