Sono stati presentati questa mattina i lavori per l’eliminazione dei semafori di via Foggia dal sindaco di Barletta, Cosimo Cannito, l’assessore comunale ai lavori pubblici Gennaro Calabrese e il dirigente comunale del medesimo Settore, Donato Lamacchia.

522.352 euro la spesa pubblica necessaria per permettere una maggiore viabilità agli automobilisti barlettani: la fase contrattuale dell’appalto è durata circa un anno: al bando hanno partecipato ben 213 aziende. L’ intervento è stato poi affidato alla ditta GIEMME Sas, della provincia di Caserta. 

L’eliminazione dei semafori all’incrocio fra via Regina Margherita, via Foggia, via Violante e via Parrilli; la realizzazione di un sistema viario alternativo, con la previsione di rotatorie (una sostitutiva dell’incrocio semaforico e l’altra all’incrocio fra via De Nicola e via Regina Margherita), di spartitraffico e piste ciclabili: sono questi gli interventi previsti nel progetto di “Moderazione del traffico nel quartiere Settefrati”. 

Il dirigente comunale Lamacchia ha rassicurato: “L’impresa inizierà i lavori lunedì 17 settembre, solo dopo aver preso coscienza e conoscenza di tutto ciò che va fatto. Prima di mettersi all’opera, sono stati già compiuti dei sopralluoghi sul territorio per verificare lo stato dei luoghi”. Nessuna incertezza per gli addetti ai lavori: la realizzazione del progetto avverrà subito, senza ulteriori perdite di tempo. La consegna prevista è tra 270 giorni.

“Lunedì – ha aggiunto il sindaco Cannito – si partirà subito con il lavoro di collegamento del tronco di fogna bianca del sottovia di via Pertini e il tronco principale di via Regina Margherita. Questa modifica impedirà l’allagamento del sottovia in caso di piogge. I lavori, poi, proseguiranno su via regina margherita dove saranno inserite due rotatorie: una all’incrocio tra via Foggia, via Regina Margherita e via Violante; l’altra dopo pochi metri, all’incrocio di via De Nicola con via Regina Margherita. Questo regolamenterà il traffico, toglierà i semafori che spesso vanno incontro a guasti aumentando i disagi degli automobilisti”.

Un progetto che, come ha sottolineato più volte il sindaco “È stato messo nero su bianco dalla precedente Amministrazione. Colgo l’occasione per ringraziare chi mi ha preceduto per aver messo in campo tutti questi progetti: questa nuova Amministrazione li ha tirati fuori dal cassetto, li ha ripresi e li sta rendendo fruibili alla popolazione. “

Gennaro Calabrese ha invece ricordato alla cittadinanza l’inizio di altri lavori: quelli che collegheranno via Milano con via Fracanzano attraverso un sottovia pedonale, in sostituzione al passaggio a livello. Questi lavori inizieranno domani, mercoledì 12 settembre.

“Vogliamo far notare – ha concluso il sindaco – che Barletta è diventato un cantiere aperto: stanno asfaltando in via del Gelso, ci sono lavori di ripristino del tratto fognario in via Luigi Dicuonzo da parte dell’Acquedotto pugliese. Stanno asfaltando le strade, stanno facendo lavori del rifacimento di tronchi fognari obsoleti. Insomma, siamo già in attività per migliorare la viabilità dell’urbanistica”.

Barletta è diventata, dunque, una città dai “lavori in corso”. Parola d’ordine per i cittadini: collaborazione e pazienza. “Ci scusiamo in anticipo per i disagi. Una volta terminati i lavori – assicura il sindaco – sarà facile notare i benefici che ci saranno soprattutto sulla mobilità e sull’inquinamento”. 

via foggia1

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteDisfida di Barletta, i ringraziamenti del sindaco Cosimo Cannito
Articolo successivoIl sindaco Cosimo Cannito incontra il giovane atleta Abdou
Sonia Tondolo
Sonia Tondolo classe 1993, consegue la maturità classica presso il Liceo Classico “A.Casardi” di Barletta. Prosegue gli studi umanistici laureandosi in Lettere moderne presso l’Università degli Studi di Bari “A.Moro”. È appassionata di letteratura e giornalismo e sta proseguendo il suo percorso di studi specializzandosi in giornalismo e cultura editoriale. Attualmente è redattrice di Barletta News e si occupa di attualità ed eventi cittadini.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here