“Canne nel Medioevo. Nuove prospettive di indagine” è il titolo del IV convegno internazionale di studi “Storia della città” organizzato a Barletta dall’Associazione del Centro Studi Normanno-Svevi nell’ambito dell’omonimo programma triennale di ricerca.

Il convegno si svolgerà nella giornata del 16 dicembre 2018 a Palazzo Della Marra a Barletta.

La civitas di Canne, celebre per la battaglia nella quale Annibale sconfisse i romani nel 216 a.C., è sempre stato uno dei luoghi chiave per l’accesso alla Puglia meridionale. Situata a guardia del fiume Ofanto e del suo sbocco a mare, centro di battaglie sanguinose anche nel Medioevo, la città fortificata di Canne fu sede di signori orgogliosi e di vescovi coriacei. Spopolatasi in favore di Barletta nel corso del secolo XIII, la cittadella fortificata era stata centro di un importante connestabilia normanna e poi di guarnigioni armate, sino al definitivo abbandono, nel corso del secolo XV, anche del castello. Tuttavia, restò viva la memoria della città grazie al suo titolo vescovile, unito a quello nazareno a partire dal secolo XV.

 

Ponendo l’attenzione su Canne, l’Associazione del Centro Studi Normanno-Svevi propone un programma di indagine che, mettendo al centro degli interessi della comunità scientifica la città di Canne medievale, intende indagare sulle origini della sistemazione militare ed economica del territorio ofantino e sulla nascita stessa della città di Barletta.

 

Il convegno è organizzato con la collaborazione del Polo Museale della Puglia, della SoprintendenzaArcheologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Barletta-Andria-Trani e Foggia, dell’Istituto Storico Italiano per il Medioevo, del Centro di Studi Normanno-Svevi di Bari e della Società di Storia Patria per la Puglia – sezione di Barletta.

Si pregia, inoltre, del patrocinio della Regione Puglia, dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”, dell’Università degli Studi di Foggia, dell’Università degli Studi della Basilicata.

 

I lavori sono inseriti nell’ambito dell’attività didattica del Dottorato di Ricerca in Storia, Cultura e saperi dell’Europa Mediterranea dall’Antichità all’Età contemporanea del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università della Basilicata.

 

Per gli studenti iscritti al corso di laurea magistrale in Storia dell’arte e al corso di laurea triennale in Scienze dei beni culturali dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro” che parteciperanno ai lavori del convegno e che ne faranno richiesta, sarà possibile ottenere 1 CFU.

 

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here