Canne della Battaglia, “Mos Maiorvm” per l’anniversario

Canne

A Canne della Battaglia, di concerto con la Direzione dell’Antiquarium, l’Associazione di studio e ricostruzione storica “Mos Maiorvm” di Roma – Delegazione Puglia (con sede unica a Barletta per l’intero territorio regionale) predisporrà la ricostruzione di una tenda da campo di una legione repubblicana (contubernium) del periodo delle guerre puniche, allestita al completo, con riproduzione di aspetti della logistica e della vita quotidiana di campo; all’interno della tenda saranno esposti manufatti e strumenti in uso al cittadino – soldato della Roma repubblicana, come – tra l’altro:

  • insegne e vessillo di legione;
  • attrezzatura da campo del legionario: furca, sarcina, patera, vestiario;
  • strumenti musicali legionari (corno, tuba, buccina), oltre ad una collezione di strumenti musicali d’uso civile.

 

I visitatori potranno rivivere l’atmosfera di un campo legionario repubblicano ed ascoltare le note di tali strumenti musicali per una esperienza più coinvolgente.

L’evento, inserito nel cartellone del programma “D’ESTATE A CANNE DELLA BATTAGLIA” costituisce una ghiotta occasione per poter ammirare come andava in guerra un legionario romano di epoca repubblicana: il contubernium è infatti fedelmente riprodotto in ogni minimo particolare.

La presentazione del contubernium è offerta al pubblico dei visitatori il prossimo giovedì 2 agosto, dalle ore 10 alle ore 20, in coincidenza con l’anniversario della famosa BATTAGLIA DI CANNE, evento bellico universalmente conosciuto e studiato.

L’iniziativa si inquadra tra le attività che l’associazione di studio e ricostruzione storica Mos Maiorvm propone e sta cercando di mettere in opera al fine di far conoscere la propria attività, diffondere la cultura dell’archeologia sperimentale di derivazione anglosassone (re-enactment) e contribuire ulteriormente alla valorizzazione di un sito e di quegli stessi luoghi resi universalmente noti dalla vittoria di Annibale il cartaginese sull’esercito consolare di Roma repubblicana.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here