Un uomo di 44 anni ha lanciato dal settimo piano di un condominio la cagnolina del proprio figlio e davanti ai poliziotti, che stavano confortando il ragazzino, ha esordito con convinzione:

<<Tutte ‘ste pagliacciate… è solo un cane>> – ha detto l’uomo agli agenti che erano intervenuti sul posto dopo una segnalazione al numero unico delle emergenze e, dopo aver individuato l’abitazione, hanno trovato il figlio adolescente in lacrime che stringeva al petto la cucciola Jack Russell.

Sotto l’abitazione del ragazzo, sono intervenuti, oltre che i poliziotti, anche altra gente incuriosita dall’accaduto e nonostante tutto l’uomo è arrivato insultando le forze dell’ordine da lontano, iniziando a dimenarsi e a colpire con calci e pugni i due poliziotti che tentavano di fermarlo.

Alla fine, per riuscire ad ostacolarlo, gli uomini in divisa hanno utilizzato lo spray al peperoncino, eppure anche dopo l’arresto, l’uomo ha continuato a colpire le auto della polizia e ha cercato di auto-lesionarsi dentro gli uffici del commissariato Esposizione.

I motivi del gesto non sono ancora chiari agli investigatori, anche perché avrebbero trovato ,dentro l’abitazione dell’uomo, un altro cagnolino della stessa razza di quello ucciso. 

La salma del Jack Russell è stata affidata agli operatori specializzati dell’Ama.

 

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here