Brunello di Montalcino con Denominazione di Origine “Contraffatta”: 2 denunce e 600 bottiglie sequestrate

Nel quadro dei servizi di controllo economico del territorio, nelle vicinanze del casello autostradale di Bari-Nord, i Finanzieri del Gruppo Pronto Impiego Bari hanno intercettato un furgone, con a bordo 2 coniugi entrambi 45enni, residenti in Toscana, che trasportavano un carico di “Brunello di Montalcino” a denominazione di origine controllata e garantita (D.O.C.G.).

Le modalità con le quali il vino era confezionato (anonimi cartoni privi di marca sui quali erano incollate delle etichette), non hanno convinto i “Baschi Verdi” i quali decidevano di eseguire ulteriori rilevamenti.

In particolare, i codici distintivi delle bottiglie sono stati riscontrati con quelli presenti sul sito del “Consorzio del Vino Brunello di Montalcino” che tutela e valorizza il nome ed il marchio del prezioso vino, lasciando emergere la palese contraffazione del prodotto.

Le oltre 600 bottiglie, per circa 450 litri di vino, sono state sottoposte a sequestro, mentre per i due è scattata una denunzia alla locale Procura della Repubblica.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here