Bocca di Rosa e i 500 euro

La Giunta, vestiti i panni delle suffragette, vara un’ordinanza contro la prostituzione

1

Natale è giunto ed è tempo di regali per tutti, compreso il Comune e le sue casse irrimediabilmente affamate di pecunia fresca. A rimediare a questa mancanza, arriva una disposizione decisa dalla Giunta, provvidenziale quanto l’arrivo di Babbo Natale; infatti, nella riunione svoltasi ieri, il Sindaco e la sua Giunta hanno approvato una delibera che reca in oggetto: “Interventi di contrasto alla prostituzione su strada e tutela della sicurezza urbana”

La delibera, portando come premessa l’intensificarsi dell’attività di prostituzione e, soprattutto, i disagi al traffico che provocano i “clienti” fermandosi sul ciglio della strada per “completare la transazione” e aggiungendo che si “ritiene necessario adottare un provvedimento contingibile ed urgente che contrasti il fenomeno della prostituzione su strada con il fine di limitare le conseguenze a tutela della sicurezza della circolazione stradale”, ordina che “in tutto il territorio comunale , fino al 31 gennaio 2014, è fatto divieto a tutti i conducenti di veicoli che diventano parte attiva nella contrattazione, di contattare soggetti che esercitino attività di prostituzione su strada o che, per atteggiamento, abbigliamento o modalità comportamentali manifestino comunque l’intenzione di esercitare tale attività, nonché concordare con gli stessi prestazioni sessuali sulla pubblica via”. Alla violazione di questa ordinanza conseguirà una sanzione amministrativa pecuniaria “corrispondente alla somma di euro 500,00”.

Certo, questa è una decisione lodevole, se non fosse per il fatto che il contrasto al fenomeno della prostituzione non sembra essere l’unico scopo di questa ordinanza.Sembra bizzarro infatti che l’arco temporale di validità di questa nuova sanzione abbia inizio e corrisponda quasi in toto con il periodo delle festività natalizie; per non parlare poi delle ambiguità che derivano dall’ordine di punire anche solo un atteggiamento apparente che non in tutti i casi si potrebbe identificare con l’esercizio del “mestiere più antico del mondo”.

Che il Comune, bisognoso della visita di Babbo Natale, non abbia avuto il tempo di limare le evidenti ambiguità della disposizione solo per poter rimpinguare le proprie casse ormai colme di ragnatele, rese sempre più fitte dai continui debiti fuori bilancio che ad ogni settimana vengono approvati da Giunta e Consiglio? Non ci resta che aspettare il termine del 31 gennaio prossimo per avere la risposta. Nel frattempo, a tutti una augurio di Buon Natale e, in più, un fraterno consiglio: fate attenzione a dove sostate con la vostra automobile!

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa forbice della Crisi contro Province e Regioni: Cosa tagliare e cosa salvare?
Articolo successivoEcodecalogo per un Natale più economico ed ecologico
Vittorio
Vittorio Grimaldi è nato il 17 agosto 1991. Diplomato presso il Liceo Classico "A. Casardi" di Barletta, attualmente studia Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Bari "Aldo Moro". Appassionato ed esperto di folklore e mitologia, gestisce dal 2013 il canale youtube a tale materia dedicato "Mitologicamente". Giornalista iscritto all'albo dei pubblicisti dell'Ordine dei Giornalisti della Puglia, dal 2014 è stato cronista politico della testata online Barletta News fino a dicembre 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here