Basile su compravendita voti: “Se Cannito ha prove lo accompagno in procura”

Non mi compri”. Questo si leggeva sull’ appello del candidato sindaco Cosimo Cannito nella sua nota avversa alla compravendita del voto, un appello in piena regola ai cittadini-elettori. “Sono accuse pesanti, nelle quali il candidato parla di tariffari circolanti in chat, prezziari e necessità di denunciare” scrive Flavio Basile, candidato sindaco della Lega per le a Amministrative 2018 a Barletta.

Quello di Cannito è un intento lodevole – spiega – ovvero denunciare una pratica censurabile e al tempo stesso sensibilizzare il cittadino, ma a patto che sia surrogato dai fatti: se Cannito ha delle prove certe – aggiunge Basile – vada in Procura e sarò il primo ad accompagnarlo ben volentieri. Nel caso contrario, sarebbe un esercizio di populismo che non fa bene a nessuno”.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here