Barlettification al Circolo tennis con Giampiero Borgia

Dopo il grande successo di Frida forever!,  il Teatro dei Borgia torna ospite del Circolo Tennis di Barletta con un  appuntamento di spettacolo. Venerdì 29 agosto, presso il Circolo Tennis Barletta alle ore 21
 avrà verrà rappresentato “#BARLETTIFICATION” con Gianpiero Borgia, di Giorgio Damato e Fabrizio Sinisi, musiche di Papaceccio mmc

 “Ho desiderato comprendere chi sono, da dove vengo e verso dove vado, la mia Itaca e la mia Moby Dick, la mia culla e il mio sepolcro, comprendere e fare uno spettacolo di me stesso e cioè, in fondo, del posto dove sono nato e dove sarò sepolto.Monstrum incomprensibile, territorio autonomo e assurdo, mistero racchiuso tra la Murgia e il mare, che neanche quelli che come me ci sono nati riescono a capire fino in fondo.” 

A metà tra tra monologo e farsa, tra satira di costume, trattato di antropologia e divagazione metafisica, #Barlettification è la storia di una comica – e tremenda – “redenzione al contrario”. Alighiero, attore e regista teatrale di origini pugliesi emigrato a Roma per elevare se stesso, si trova costretto a tornare nel suo paese d’origine per ripartire dalle proprie radici: e, soprattutto, per capirle. Quasi suo malgrado.

Il suo è un viaggio di scoperta dentro casa propria, con lo sguardo inedito di chi vede per la seconda volta. Inedita è anche la sua Puglia: epicentro grottesco e surreale, habitat di barbarie ma anche di dolcezza e di calore – luogo affabile, viscerale e spietato come sa esserlo solo la maternità.

#Barlettification non avvalora un luogo comune, ma lo rovescia dal suo interno: Alighiero scoprirà che le cose non sono quelle che credeva: che non c’è luce razionale che possa dissipare una natura inestirpabile; che “quaggiù” un’intelligenza bisogna inventarsela da capo, ripartire da se stessi, rinunciare a qualsiasi appoggio esterno. Barletta si rivelerà essere un feroce e particolarissimo luogo dell’anima,  necessaria metafora di un vivere che non può prescindere dalle proprie radici.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here