Barletta ricorda la Resistenza civile e militare all’occupazione nazista

Resistenza

Barletta rinnova il suo legame con la memoria nel 75° anniversario della Resistenza, civile e militare, all’occupazione nazista della città. Oggi, puntuale, il ricordo delle vittime della rappresaglia tedesca del 1943 e di quanti combatterono, sino al sacrificio della vita, per i valori di democrazia, libertà e pace.

Il programma, promosso dall’Amministrazione comunale e organizzato a cura dell’Archivio della Resistenza e della Memoria, si è aperto nella cattedrale di Santa Maria Maggiore con il rito religioso celebrato da Mons. Filippo Salvo. A seguire, presso il rivellino del Castello, gli onori ai soldati caduti nel settembre 1943, con deposizione di omaggi floreali sulle note del silenzio intonato dal trombettiere del picchetto, schierato sull’attenti, dell’82° Reggimento Fanteria “Torino”. Dal maniero è poi sfilato verso il centro città il corteo delle autorità, con i gonfaloni dei Comuni del territorio e dei rappresentanti delle associazioni combattentistiche e d’arma. Tappa conclusiva in piazza Monumento per la deposizione di una corona d’alloro ai caduti di tutte le guerre e al bassorilievo in memoria dei vigili urbani e delle vittime dell’eccidio nazista. A suggellare l’omaggio istituzionale, l’inno di Mameli.

Così il sindaco Cosimo Cannito, presente agli eventi odierni: <<Il doveroso ricordo del 12 settembre a Barletta è un capitolo indelebile della storia cittadina. Il sacrificio dei militari e dei civili non deve configurarsi solo come una commemorazione, bensì tradursi nell’energico richiamo al rispetto incondizionato dei valori democratici, del bene comune e del buon senso che devono caratterizzare l’agire della collettività: è importante non vanificare il sacrificio di chi ha lottato nel nome dei princìpi fondanti della Costituzione repubblicana. Auspico su questi temi maggiore vicinanza e interesse da parte delle giovani generazioni, affinché sappiano che interpretando i valori artefici della rinascita e dello sviluppo sociale del Paese, ai quali devono responsabilmente ispirarsi, tramandano una preziosa eredità civile>>.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here