Barletta, parte il porta a porta per le utenze non domenistiche alimentari

Con una ordinanza, il sindaco Pasquale Cascella ha disposto che tutte le utenze non domestiche alimentari presenti sul territorio comunale, dal 7 aprile, debbano conferire al gestore del servizio di raccolta, in regime di raccolta differenziata, la frazione umida-organica dei rifiuti solidi urbani.

I gestori degli esercizi commerciali dovranno esporre i contenitori di raccolta nelle immediate vicinanze del singolo numero civico, posizionandoli in un luogo accessibile ai mezzi di raccolta negli orari consentiti e ritirarli una volta svuotati. Le violazioni per la mancata differenziazione dei rifiuti, la loro dispersione e il mancato rispetto degli orari di conferimento comporteranno l’applicazione di sanzioni amministrative pecuniarie.

Il crono programma per l’introduzione del “porta a porta” prevede una nuova tappa a partire dal 19 maggio con l’avvio del servizio su tutte le frazioni di rifiuto e tutte le utenze domestiche e non domestiche presenti nel centro storico e nel quartiere Patalini. Dal 1° settembre 2014 la raccolta sarà poi estesa all’intero territorio comunale.

“Con questa progressione della raccolta differenziata – ha dichiarato il sindaco Pasquale Cascella – l’Amministrazione si prefigge di raggiungere gli obiettivi previsti dalle normative in materia ed evitare le penalizzazioni dell’ecotassa che si tramuterebbero in un inevitabile aggravio per le tasche dei cittadini. Con la collaborazione, invece, si possono ottenere risultati di efficienza del servizio e di tutela dell’ambiente con un primo significativo ‘guadagno’ nel miglioramento della qualità della vita in città”.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here