Barletta e Bisceglie, altri 8 arresti per furto di olive: 7 quintali recuperati

Continua incessante l’impegno dei Carabinieri nel contrastare il fenomeno dei furti ai danni di proprietari terrieri e piccoli imprenditori agricoli e i risultati positivi non mancano. Negli ultimi giorni, altri tre barlettani, un sanferdinandese e 4 biscegliesi sono stati arrestati dai Carabinieri di Barletta e di Bisceglie. Sette quintali complessivi di olive sono stati restituiti ai legittimi proprietari.

I primi a finire nella rete tesa dai militari sono stati due pregiudicati del luogo, di 55 e 56 anni.

I due malviventi all’arrivo dei carabinieri, che li avevano sorpresi in un oliveto di via Trani, hanno tentato la fuga, ma sono stati prontamente bloccati con circa un quintale di olive. Sul posto  sono stati rinvenuti e sequestrati reti ed attrezzi per la raccolta.

Gli altri due, invece, un 40enne di San Ferdinando di Puglia e un 52enne di Barletta sono stati fermati dai militari, in contrada Piscina, dietro segnalazione di alcune guardie campestri, mentre caricavano su di un carrello appendice, tre quintali di olive. Recuperati e sequestrati anche gli attrezzi utilizzati per raccogliere i frutti, nonché il carrello appendice utilizzato per il trasporto.

A Bisceglie, invece, l’altro pomeriggio sono state arrestate 4 persone. Tre di loro sono componenti di una stessa famiglia: padre 50enne, convivente 39enne, figlia dell’’uomo, 19enne, più un amico di famiglia, di 22 anni, tutti già noti alle forze dell’ordine.

Il quartetto è stato sorpreso dai Carabinieri di Bisceglie, in contrada San Nicola, mentre stavano rubando olive. Sul posto sono stati rinvenuti tre quintali di olive, raccolte in sacchi e gli attrezzi da lavoro, tra cui reti e bastoni in alluminio, il tutto posto sotto sequestro. Le olive, invece, sono state restituite al proprietairo del fondo.

Degli 8 arrestati, su disposizione della Procura della Repubblica di Trani, i primi due sono stati condotti presso le rispettive abitazioni e sottoposti agli arresti domiciliari, mentre gli altri sei sono stati condotti in carcere.

Sale così a 16 il bilancio degli arresti eseguiti nelle province di Bari e Bat ad opera dei Carabinieri del Comando Provinciale e ben 18 i quintali di frutti recuperati, tra olive ed uva, in una decina di giorni, a conferma del costante impegno dell’Arma in favore di contadini ed imprenditori che fanno della produzione agricola il proprio mezzo principale di sostentamento.

A partire dall’ultima domenica di ottobre, infatti, 5 persone, in tre distinte occasioni, furono arrestate in poco meno di 24ore. Una coppia di Bitonto, 52anni lui, 39 lei, sorpresa mentre trafugava 3 quintali di olive; un 33enne a Minervino Murge; due a Ruvo di Puglia, un 46enne e un 38enne, dopo essersi impossessati di altri 3 quintali di frutti. Altri due a Palo del Colle, di 67 e 37anni, di Bitonto, qualche giorno più tardi, mentre tentavano di dileguarsi con un autocarro, su cui avevano caricato circa 2 quintali di olive e, ancora, una donna di 44anni, arrestata a Noicattaro subito dopo aver rubato circa 3 quintali di una della pregiata qualità “red globe”.

Insomma, sempre più intensa è la vicinanza dei carabinieri alle istanze delle Associazioni di categoria, che più volte hanno chiesto l’aiuto delle Istituzioni, soprattutto nei periodi di raccolta.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here