Barletta celebra la giornata interculturale “Soli-da-mente”

Diritti umani e solidarietà: fattori che per quanto possano sembrare separati tra loro sono inevitabilmente imprescindibili l’uno dall’altro. L’ennesima conferma è stata ottenuta durante la scorsa domenica 31 luglio, con un pomeriggio denso di eventi misti a solidarietà e intercultura organizzato dall’Associazione Onlus ‘Home e Homme’ e patrocinato dal Comune di Barletta. I giardini e l’anfiteatro del Castello di Barletta sono stati vivacizzati non solo dai colori splendidi che questa estate ci sta presentando ma anche dai colori delle varie etnie presenti. Obiettivo raggiunto quello degli organizzatori: il pomeriggio Soli-da-mente è stato denso di cooperazione e collaborazione.

‘Lo scopo di questa giornata interculturale è quello di conciliare qui tutto il mondo: non è un caso che hanno accettato di partecipare anche i richiedenti asilo politico che sono momentaneamente presso il palazzetto di Barletta’ ha dichiarato Badr Fakhouri, presidente dell’Associazione che ha poi continuato: ‘ Tre sono le parole chiave a cui facciamo riferimento: No alla guerra, no al terrorismo, sì alla pace. No alla guerra poiché anche la guerra può essere motivo di terrorismo che non nasce mai dal nulla, purtroppo c’è sempre una motivazione. Ecco perché subentra la pace: unico fattore in grado di azzerare i due precedentemente annunciati.’

Pace richiamata non solo dalle lanterne lanciate in cielo che hanno illuminato l’anfiteatro creando suggestive immagini  ma  anche dagli spettacoli che hanno allietato il pomeriggio e la serata: molti gli artisti che si sono esibiti in varie performance. Dalla danza al cabaret, passando inevitabilmente dalla musica sono intervenuti Valentina Losappio (danza del ventre); gli Arcadya (gruppo musicale composto da Martina Cafagna, Antonio Vaccariello, Osvaldo Battaglia, Ruggiero Campanella, Simone Dibari); Roberto Lando (cabarettista); Axe Brasil Show Rosi (danza brasiliana) e i Terre di musicanti (gruppo musicale composto da Gianni Celao, Giuseppe Volpe, Marco Manzi e Ruggiero Tanzi).

‘La conoscenza di un mondo lontano dal nostro avviene anche attraverso la conoscenza del cibo’. La suggestiva cornice dell’anfiteatro del castello è stata arricchita anche dalla presentazione degli alimenti: dal riso venere arricchito con spezie al cus cus ai frutti di mare, da prodotti tipici siriani a dolci arricchiti da granelle di pistacchio.

Immancabile tra questo tripudio di emozioni anche una mostra di pittura e fotografia, che ha accompagnato tutto lo svolgimento della giornata interculturale. Le opere di Angiolo Barracchia, Teresa Piccolo e Ruggiero Mascolo sono state abbinate alle foto di Angelo Chiariello. ‘Ho deciso subito di partecipare ha questo evento’ ha dichiarato la Piccolo ‘ portando qui alcuni dei miei lavori. Da sempre infatti mi occupo di volti e diverse etnie. Dal volto di una persona, in questo caso dei miei dipinti, è possibile entrare a fondo, di capire tutto ciò che il soggetto sta provando’. Angiolo Barracchia ha rappresentato ‘dei bambini siriani che stanno scappando dalle bombe. Accanto a loro è possibile notare un adolescente che si  nasconde le mani con gli occhi, come se questo gesto bastasse a nascondere l’atroce verità. In questo quadro ho ritagliato e incollato pezzi di giornale siriani, il che rende tutto ancora più suggestivo e veritiero’.  Ruggiero Mascolo ha invece portato con sé un opera del 2011, “L’incontro”. ‘L’incontro sta a significare che pur essendo di diversi colori di pelle abbiamo le stesse orme: non è possibile distinguere l’etnia da una semplice impronta lasciata nella sabbia’.

Foto di Giulia Rita Filannino

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteAule ‘Fermi-Nervi-Cassandro’ – ‘Garrone’, il Tar dà ragione alla Provincia
Articolo successivoAnnibale, Canne e i politici illuminati
Sonia Tondolo
Sonia Tondolo classe 1993, consegue la maturità classica presso il Liceo Classico “A.Casardi” di Barletta. Prosegue gli studi umanistici laureandosi in Lettere moderne presso l’Università degli Studi di Bari “A.Moro”. È appassionata di letteratura e giornalismo e sta proseguendo il suo percorso di studi specializzandosi in giornalismo e cultura editoriale. Attualmente è redattrice di Barletta News e si occupa di attualità ed eventi cittadini.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here