Barletta Calcio, Radi: lo strano dietro-front

Qualche volta succede di dover precisare una serie di dichiarazioni, magari non proprio chiare e lasciate all’interpretazione e alla discrezione di chi le riporta. Questo è quello che vorrebbe far intendere Alessandro Radi, capitano del Barletta, dopo la conferenza del postpartita di domenica scorsa, quando i biancorossi sono usciti sconfitti dal Puttilli nel match contro il Foggia.

Nello specifico, l’esperto difensore ha dichiarato espressamente la volontà di non rimanere a Barletta nel caso in cui rimanga l’attuale proprietà anche nella prossima stagione: “Quest’anno sono stato bene in biancorosso, nonostante tutte le problematiche. Ma se mi chiedessero di proseguire la mia avventura con questa dirigenza alla guida, direi di no“. Non lascia spazio a molte interpretazioni, questa risposta di Radi, che ha poi rincarato la dose con la maggiore possibilità di reinventarsi istruttore di equitazione, piuttosto che continuare il rapporto con Perpignano e i suoi. Pensiero professionalmente inattaccabile, viste le incertezze economiche che si sono susseguite da ottobre.

Strano a dirsi, nella giornata di oggi arriva la dubbia precisazione dello stesso giocatore ai microfoni di TuttoLegaPro, ai cui microfoni dichiara: “Probabilmente è stato un malinteso con alcuni giornalisti di Barletta, magari non sono stato particolarmente chiaro, però quando mi è stato chiesto se sarei rimasto al Barletta con Perpignano presidente, io ho risposto di no, ma perché volevo far capire che non sarebbe stato proprio possibile rivivere la stessa annata a livello di difficoltà generali“.

Dietrofront che lascia una puntina di amarezza. Invece di cercare l’appoggio delle testate cittadine, che insieme alla piazza hanno sempre denunciato la situazione in cui versava e continua a versare il Barletta Calcio, Radi ha scelto un altro canale di informazione per una precisazione che, a derby ormai archiviato, sembra proprio lasciare il tempo che trova. E il “non ho nulla contro Perpignano” ulteriormente riportato nella precisazione odierna alimenta i dubbi sul reale pensiero del capitano biancorosso, che rischia di impelagarsi in un giro di dichiarazioni poco felici.

Pare evidente che la sconfitta nel derby abbia scaldato gli animi di diverse componenti del pianeta Barletta. Con l’ultimo match della stagione dietro l’angolo, è il momento di cominciare a mettere sul piatto le reali intenzioni di ognuno, affinchè si lavori con la massima sincerità e si proceda al salvataggio finanziario del club, che è l’unica cosa che realmente interessa alla piazza biancorossa.

A cura di Antonio Gargano

Per ulteriori approfondimenti visita il sito www.barlettasport.it

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here