Barletta: arrestati tre andriesi per furto aggravato

Personale della P.S. ha tratto in arresto Fucci Sabino, pregiudicato andriese di anni 65, Di Bari Vincenzo, pregiudicato andriese di anni 49 e Lorusso Salvatore, pregiudicato andriese di anni 44, sorpresi nella flagranza di reato di furto aggravato di olive, rubate in un fondo agricolo situato in contrada Avantaggio agro di Barletta.

In particolare, la scorsa settimana, con l’approssimarsi della stagione olearia, era stata indetta una riunione tecnica, tenutasi in commissariato a cui aveva partecipato personale della Forestale, della Polizia Provinciale e i rappresentanti dei consorzi di guardiania San Ruggiero e consorzio autonomo delle Guardie Campestri, con i quali era stato concordato un piano di intensificazione dei controlli, anche e soprattutto nelle ore notturne e serali.

Nella serata di ieri un equipaggio della sezione volanti, durante la perlustrazione dell’agro situato a nord di Barletta, ha notato uscire da un tratturo interpoderale un furgone fiorino con i tre individui a bordo, i quali alla vista degli agenti, hanno cercato di darsi alla fuga. La pattuglia si è lanciata all’inseguimento degli stessi, fermandoli dopo pochi metri.

All’interno del furgone sono state rinvenute alcune olive. Gli agenti hanno percorso a ritroso il predetto tratturo seguendo le tracce dei pneumatici lasciate sul terreno e dopo alcuni metri, al buio si sono imbattuti in alcuni teli ancora stesi sotto gli alberi, pienissimi di olive fatte cadere dalle piante con l’ausilio di grosse mazze. Sul posto è giunto anche il proprietario del fondo con il quale gli operatori di polizia hanno effettuato un sopralluogo approfondito, dal quale è emerso che le olive rubate ammontavano a circa 100 kg.

Stante la flagranza di reato e le fonti di prova raccolte i tre soggetti sono stati tratti in arresto nella flagranza di reato di furto aggravato e tradotti presso la casa circondariale di Trani a disposizione del sost. Procuratore della Repubblica di Trani D.ssa Simona Merra.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here