Barletta 1922, al via la stagione 2016/2017: completate le visite mediche

Sorrisi, saluti, un clima disteso e tanta voglia di far bene, riprendendo quel filo (bianco e)rosso interrotto l’1 maggio con il ko di Altamura in finale-playoff regionale. L’Asd Barletta 1922 si è ritrovata questa mattina al gran completo-in attesa degli ultimi colpi in arrivo dal calciomercato-presso lo stadio “Manzi-Chiapulin” di via dei Mandorli. 20 gli elementi a disposizione di mister La Cava, dai confermati Zingrillo, Sguera, Loiodice e Cormio fino ai volti nuovi, senior e babies. Tutti hanno sostenuto le visite mediche presso l’ambulatorio Sport Medicine, struttura che sta seguendo la rosa in questa cruciale fase della stagione. Nel pomeriggio, alle 17, la squadra scenderà in campo sul sintetico di via dei mandorli per il primo allenamento dell’annata sportiva 2016/2017: i biancorossi lavoreranno in sede fino a sabato, salvo trasferirsi dalla prossima settimana in quel di Fara San Martino, in provincia di Chieti, per il ritiro pre-stagionale.

A guidare il gruppo due uomini di esperienza e qualità, che capeggiano la schiera dei nuovi arrivi: il difensore centrale Luigi Digiorgio e l’attaccante argentino Nicolas Di Rito: “Finalmente si comincia, abbiamo entusiasmo e tanta voglia di partire con il piede giusto-spiega Digiorgio-ho grandi motivazioni: non vedo l’ora di giocare la prima partita ufficiale, sono qui per vincere. Sono barlettano e finalmente difenderò i colori della mia città: sentiamo i tifosi già vicini”. Curriculum che parla da sé anche quello del puntero ex Casarano e Altamura: “C’è un gruppo di grande qualità: conosco diversi compagni, per aver giocato con loro o contro di loro. I tifosi mi chiedono i gol, come è giusto che sia, ma io sono contento solo se i miei gol servono per portare i tre punti. La griglia delle avversarie? Per quello che sto vedendo-spiega Di Rito-Altamura, Bitonto e Cerignola dovrebbero puntare al vertice, ma non guardo le altre: pensiamo a noi, dobbiamo fare un bel ritiro e star bene fisicamente”.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here