Bar.S.A. ha eseguito in data 6 giugno 2018 un intervento di grande rilevanza ambientale nella zona di Ariscianne, sul territorio comunale di Barletta, con la rimozione di rifiuti ingombranti abbandonati. Ariscianne è l’unica zona umida tra Brindisi e Manfredonia dove nidificano trampolieri e starne.

Da sempre Bar.S.A. esegue un controllo attento ed un monitoraggio del territorio cittadino e delle periferie allo scopo di tutelare la natura e preservare l’equilibrio ambientale da aggressioni ingiustificate sotto forma di abbandono di rifiuti che alterano e inquinano il paesaggio.

Nell’ attività di rimozione di rifiuti dalle aree periferiche della città, come previsto dal disciplinare tecnico-economico tra Comune di Barletta e Bar.S.A., è stata compiuta un’attività che speriamo possa mettere fine al degrado della bellissima area di Contrada Ariscianne.

Cogliamo l’occasione per ricordare la possibilità di conferire gratuitamente i rifiuti ingombranti chiamando Bar.S.A. al numero verde 800.330.433 oppure ai numeri 0883.304215 e 0883.304216. Il servizio di raccolta degli ingombranti avviene su appuntamento, previa prenotazione telefonica, fino ad un massimo di n. 3 pezzi per singolo utente.

I materiali devono essere posti sul suolo pubblico a cura degli utenti, nelle immediate vicinanze del portone o spazio idoneo, secondo le istruzioni e nei tempi indicati da Bar.S.A. al momento della prenotazione. Vi è inoltre la possibilità di conferire i rifiuti anche presso il Centro di Raccolta Arcobaleno in via Callano, 61 aperto tutte le mattina dalle ore 8:30 alle ore 13:00 ed il pomeriggio dal lunedì al venerdì dalle ore 15:00 alle ore 18:00.

Registriamo il verificarsi di spettacoli indecorosi per mano di incivili che si ostinano a sfregiare i luoghi più disparati della nostra città, continuando ad abbandonare rifiuti lungo le complanari nonostante la presenza di telecamere e l’attività ispettiva congiunta di Polizia Locale e Bar.S.A. L’appello all’ intera cittadinanza è di collaborare per aiutarci a mantenere il decoro della città.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here