Movimento Animalista Bat ed E.N.P.A Barletta: “Avvelenare gli animali è un atto vile e disumano”

In risposta e supporto all’articolo “Esche e bocconi avvelenati a Barletta: quanti animali devono ancora morire?” pubblichiamo la dichiarazione dei referenti E.N.P.A (sezione di Barletta) e Movimento Animalista Provincia Bat.

Vi informiamo inoltre che sabato 11 novembre alle ore 11,00, presso la Sala Athenaeum in via Madonna degli Angeli 29, si terrà la presentazione delle Linee Programmatiche del Movimento Animalista per la Provincia Barletta-Andria-Trani in cui i relatori esporranno gli obiettivi principali del Movimento Animalista, tra cui la tutela degli essere più deboli, la lotta al randagismo, lo svuotamento dei canili e la tutela dell’ambiente.

“Purtroppo siamo alle solite, gli animali domestici e non, sono il più delle volte declassati a semplici esseri viventi che alcuni credono privi di sentimenti; ma non è così e lo sa bene chi accudisce quegli stessi animali, chi li accoglie in famiglia e con gli stessi condivide gioie e sofferenze.

Sono rimasto a dir poco rammaricato quando ho sentito la storia tua e del tuo Roy; è vero una delle tante storie di avvelenamento, ma nonostante quotidianamente mi arrivino segnalazioni e racconti simili, non riesco proprio a non infuriarmi per quanta insensibilità ed inciviltà ancora ci circonda.

Non tutti possono immaginare cosa si prova ad essere al capezzale del proprio cane, non perché sia ormai vecchio e al termine del proprio ciclo di vita, ma perché qualcuno ha pensato di escogitare una delle torture più grette che ci siano, quella di avvelenare del cibo. Sentire della sofferenza patita da un essere vivente e senziente che voleva solo giocare e vivere all’insegna del proprio spirito di libertà è straziante anche per chi quell’anima non la conosceva; figuriamoci di quanto sia inesprimibile lo stato d’animo di chi con quel cane giocava e correva, l’accudiva e l’amava.

Con vergogna devo dire, purtroppo, che nel nostro territorio sempre più spesso si sente parlare di avvelenamento di animali (soprattutto cani e gatti) e sempre più spesso quegli atti deprecabili restano impuniti. Pur esistendo rimedi naturali e non deleteri per allontanare gli animali da luoghi in cui non sono ben accetti, è frequente che si dia sfogo all’odio e alla cattiveria avvelenando gli stessi animali che, il più delle volte, sono solo di passaggio dai luoghi in cui sono posizionati bocconi avvelenati e simili trappole mortali.

In una società che si professa civile, non può più ammettersi che – chi sistematicamente fa uso di veleni causando la morte di chissà quanti animali – resti impunito e continui a distruggere vite che, in parte rientrano nel patrimonio faunistico di tutti noi, ma altre volte sono veri e propri membri delle nostre famiglie

Chi avvelena bocconi di cibo e li lascia alla portata di tutti, oltre che colpire il primo malcapitato animale che passandovi accanto ne percepisce l’odore e li mangia, mette a rischio tutti noi, i nostri bambini (che è facile che entrino in contatto con tali sostanze velenose), i nostri amici pelosi e gli animali selvatici.

Non c’è scusa che tenga o finalità che giustifichi l’uso di bocconi avvelenati; infatti, colui che predispone ed utilizza veleni nascondendoli in bocconi, non solo commette un atto vile, disumano e contro natura, ma disattende un divieto espressamente previsto da varie fonti normative.

A quanto innanzi, si aggiunga che le sostanze velenose, in molti casi, contribuisco all’inquinamento dell’ambente e degli alimenti e in un momento storico come quello che sta vivendo il nostro territorio, non possiamo permetterci di tollerare neppure il più piccolo contributo a tal inquinamento.

Nonostante vi siano norme che disciplinano la detenzione e l’uso di sostanze velenose, l’uso crescente di tali sostanze a scopo delittuoso rende necessario un riordino della normativa di settore ed un inasprimento delle sanzioni e delle pene per chi usando veleni arreca lesioni o causa la morte di esseri viventi, che siano persone o animali.”

Avv. Massimiliano Vaccariello (Responsabile Movimento Animalista Provincia BAT)

Francesco Calabrese (Volontario/Referente E.N.P.A sezione di Barletta)

Annarita Distaso (Volontaria/Referente E.N.P.A sezione di Barletta)

Contatti:

https://www.facebook.com/enpabarletta/

https://www.facebook.com/movimentoanimalistabat/

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here