Autismo, uno studio rivela: “Determinanti i fattori ereditari”

BarlettaNews- autismo

L’autismo dipende da fattori genetici. Questa l’ultima rivelazione del lavoro di Sven Sandin della Icahn School of Medicine at Mount Sinai(New York), pubblicato sulla rivista Jama.

La ricerca  di Sandin parla chiaro: “L’autismo è un disturbo altamente ereditabile la cui origine dipende in alta percentuale (per l’83%, stando alla ricerca) dai fattori genetici ereditati”.

L’autismo, ovvero un disturbo del neurosviluppo caratterizzato dalla compromissione dell’interazione sociale e da deficit comunicativi, presenta differenti livelli di gravità. Solitamente l’esordio della sindrome è definibile nei primi tre anni di vita di un bambino.

Tanti sono stati gli studi eseguiti per comprendere la comparsa di questo disturbo. Che i fattori ereditari contribuissero alla manifestazione della sindrome era ormai chiaro: spesso in una famiglia ci sono uno o più casi di autismo.

Il peso attribuito finora alla componente genetica era pari al 50%. La restante parte si riteneva fosse da attribuire ai fattori ‘ambientali‘, ovvero tutto ciò con cui il bambino viene a contatto: eventuali esposizioni ad alcune sostanze, infezioni contratte o particolari stili di vita. 

Il nuovo studio americano sbugiarda (per il momento) tutte le preesistenti teorie. 37.570 coppie di gemelli, 2.642.064 coppie di fratelli (non gemelli), 432.281 coppie di ‘fratellastri’ figli della stessa madre e 445.531 di ‘fratellastri’ figli dello stesso padre sono stati coinvolti nello studio. Tra tutti questi bambini, durante il trascorrere del tempo, a  14.516  è stato diagnosticato il disturbo autistico.

I dati sono stati ottenuti dal confronto tra i gemelli e non gemelli. Confrontando le diverse tipologie di bambino, è stato possibile stimare il peso di geni e ambiente sulla presenza o assenza di certe malattie, perché mentre i gemelli identici (omozigoti) hanno Dna identico al 100%, i fratelli condividono lo stesso Dna per il 50%; i fratellastri invece per il 25%.

Dallo studio è emerso che il rischio di due fratelli di essere entrambi autistici sale al crescere della loro somiglianza genetica. È quindi più basso tra i bambini che hanno un solo genitore in comune, è più elevato tra i fratelli ed è maggiore tra i gemelli. Complessivamente, quindi, alla luce dei risultati è stato evidente che il legame genetico sia fondamentale (83%) mentre l’influenza ambientale conta il restante 17%.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteIllustrata la Strategia Integrata per lo Sviluppo Urbano Sostenibile
Articolo successivoRimozione delle scritte sul muretto del Castello, al via le operazioni di pulizia
Sonia Tondolo
Sonia Tondolo classe 1993, consegue la maturità classica presso il Liceo Classico “A.Casardi” di Barletta. Prosegue gli studi umanistici laureandosi in Lettere moderne presso l’Università degli Studi di Bari “A.Moro”. È appassionata di letteratura e giornalismo e sta proseguendo il suo percorso di studi specializzandosi in giornalismo e cultura editoriale. Attualmente è redattrice di Barletta News e si occupa di attualità ed eventi cittadini.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here