Atti di vandalismo all’ingresso della Chiesa dei Greci

Il portone d’ingresso della Chiesa di Santa Maria degli Angeli, nota come Chiesa dei Greci, in pieno centro a Barletta, è stato danneggiato e ricoperto di scritte. Tre pannelli del portone sono stati divelti ed è stata imbrattata anche la cornice lapidea dell’ingresso alla preziosa chiesa ortodossa.

Dopo un sopralluogo compiuto dal comandante della Polizia municipale, Savino Filannino, e dalla dirigente del Settore Cultura del comune di Barletta, Santa Scommegna, è stato disposto il transennamento del luogo, per interdirne l’accesso, e la pulizia e il ripristino del portone in legno. Gli interventi di pulizia sulla parte lapidea, invece, saranno concordati con la Sovrintendenza, come pure la necessità di mettere in sicurezza quel luogo.

“Come convenuto con il sindaco Cosimo Cannito, è nostra intenzione – ha detto il vice sindaco Marcello Lanotte – chiudere l’accesso alla scalinata della chiesa con un cancello e dotare quel sito di videosorveglianza per evitare che tali episodi si ripetano ancora, visto che questa non è la prima volta che quel luogo viene preso di mira”.

A tal proposito il Comando di polizia municipale sta redigendo un esposto contro ignoti alla Procura della repubblica di Trani per danneggiamento.

“Una scritta su un monumento è sempre un oltraggio  – ha detto il sindaco Cannito – è una ferita grave che, se pure curata, lascia un segno profondo soprattutto se si pensa che i responsabili di queste azioni sono spesso ragazzi, giovani, che invito a visitare quel luogo per rendersi conto della sua bellezza e della sua storia. Mi auguro che i responsabili vengano individuati e che episodi simili non si ripetano”.

La Chiesa dei Greci, al cui interno è presente una preziosa iconostasi, è stata recentemente interessata al suo interno da un intervento di consolidamento ed è visitabile su prenotazione, oltre a essere aperta al pubblico in occasione di iniziative e giornate dedicate al patrimonio artistico e culturale alle quali il comune aderisce.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here