Asse tra Comune di Barletta-Regione Puglia-ARCA, Caracciolo: “Risposte concrete all’esigenza abitativa”

Dopo la notizia dell’intesa tra Comune di Barletta, l’Agenzia Regionale per la Casa e l’Abitare (ARCA ex IACP) e Regione Puglia raggiunta il 28 Novembre per la realizzazione degli interventi indicati nei PIRP Barletta 1 Maranco-Mura del Carmine e Barletta 2 Spirito Santo-Nuovo Ospedale in arrivo altre buone notizie per la città di Barletta sul fronte dell’Edilizia Residenziale Pubblica. L’annuncio arriva dal consigliere regionale e presidente della V Commissione della Regione Puglia Filippo Caracciolo.

“Col finanziamento di importo pari a € 2.400.000,00 per ognuno dei due PIRP sarà possibile l’attuazione dell’Accordo di Programma tra Regione Puglia e Comune di Barletta per la ‘realizzazione del programma integrato di riqualificazione delle periferie’. Nel PIRP 1 Barletta per gli edifici collocati in via Prascina, via Maranco e via Marchisella sono previsti vari tipi di interventi. Si va dalla realizzazione degli impianti di ascensori, all’eliminazione delle barriere architettoniche per accesso al fabbricato tramite rampa sino alla manutenzione delle aree esterne. La realizzazione degli impianti di ascensori è prevista anche in molti edifici di via Maranco e di via Marchisella dove sarà realizzato il rivestimento esterno del tipo a cappotto di diversi fabbricati e la manutenzione ordinaria delle aree esterne. L’ARCA, già Istituto Autonomo Case Popolari, a cui il Comune di Barletta ha affidato il compito di progettare e realizzare gli interventi, ha in cantiere anche lavori di recupero di ben 18 fabbricati di edilizia residenziale pubblica ubicati nel Comune di Barletta presenti in via Ungaretti e via Pirandello. L’ARCA ha valutato che sarà opportuno, senza alcun costo da parte dei beneficiari degli alloggi di proprietà pubblica, procedere al recupero dei prospetti a mezzo di operazioni di stonacatura e fornitura e posa in opera di cappotto esterno. Per alcuni edifici gli interventi programmati riguarderanno il rifacimento e la coibentazione dei lastrici solari così come per migliorare il risparmio energetico sarà opportuno procedere con la coibentazione degli intradossi”.

“Mercoledì 10 Dicembre alle ore 11 presso il Comune di Barletta – continua il consigliere regionale Filippo Caracciolo – ho promosso l’incontro nel corso del quale sarà sottoscritto a Barletta il protocollo d’intesa tra Comune-Regione e ARCA. All’incontro, da me fortemente voluto, prenderanno parte la vicepresidente della Regione Puglia Angela Barbanente, il sindaco di Barletta Pasquale Cascella ed il direttore generale di ARCA Puglia Centrale Sabino Lupelli. L’obiettivo del Protocollo si richiama alla Legge n. 80/2014 che all’articolo 10 ‘Edilizia residenziale sociale’ pone tra le sue finalità quella di ridurre il disagio sociale attraverso l’aumento dell’offerta di alloggi sociali in locazione, senza consumo di nuovo suolo, favorendo il risparmio energetico e la promozione, da parte dei Comuni, di politiche urbane mirate ad un processo integrato di rigenerazione delle aree urbanizzate e dei tessuti edilizi esistenti. Il Comune di Barletta rientra nell’elenco dei Comuni ‘alta tensione abitativa’ presenti nell’elenco Cipe n. 87/03 del 13.11.2003 si candida con il sostegno della Regione a ricevere finanziamenti per l’acquisto di alloggi da destinare alle fasce di popolazione meno abbienti per migliorare la situazione del fabbisogno abitativo in città”.

“Tutto il lavoro di raccordo tra Comune-Regione ed ARCA (ex IACP) ha l’utilità di migliorare le condizioni dell’edilizia residenziale pubblica. Trovo di fondamentale importanza – conclude il consigliere regionale Filippo Caracciolo – stabilire tempi certi di attuazione degli interventi in corso, nonché adottare nuovi programmi di intervento, per dare garanzia di risposta ai bisogni sociali, anche divulgando precisi riferimenti temporali dell’azione amministrativa comune per assicurare efficienza, efficacia e trasparenza. Su temi di rilevanza assoluta come l’emergenza abitativa contano i fatti”.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here