Asl Bt, l’indicatore di tempestività dei pagamenti a meno 26 giorni

Asl Bt

Meno 26 giorni a fronte dei 60 previsti per legge. E’ l’indicatore di tempestività dei pagamenti (I.T.P.) registrato dalla Asl Bt nel primo trimestre del 2018. Si tratta di un indicatore dei tempi medi di pagamento relativi agli acquisti di beni, servizi e forniture, rispetto ai 60 giorni previsti per legge per saldare le fatture ed è pari alla somma dei giorni effettivi intercorrenti tra la data di scadenza della fattura e la data di pagamento ai fornitori moltiplicata per l’importo dovuto, rapportata alla somma degli importi pagati nel periodo di riferimento.

È uno degli indicatori impiegato dalla Regione Puglia per valutare, nell’ottica dell’efficienza economico-finanziaria, gli obiettivi dei Direttori Generali delle AA.SS.LL. e, in generale, la gestione sanitaria.

L’Asl Bt ha realizzato un’ottima performance della quale la Regione Puglia ha preso ad esempio: nel primo trimestre del 2018 I’I.T.P. (già ottimo rispetto alla media regionale) è infatti ulteriormente migliorato giungendo addirittura a – 26 giorni rispetto alla scadenza fissata per legge

Il Direttore Generale, avv. Alessandro Delle Donne, insediatosi solo a febbraio 2018: “… Questa è un’ottima notizia sia per i fornitori, per i quali la liquidità è un elemento importante nell’attività d’impresa, sia per lo stato di salute dell’Azienda sanitaria – dice Alessandro Delle Donne – Direttore Generale Asl Bt – la Asl dimostra di essere un “eccellente pagatore”, qualità che le consente di:

  • azzerare sperperi di denaro pubblico versato per interessi moratori e che potrebbe ora essere impiegato per gli usi istituzionali propri dell’azienda sanitaria,
  • ridurre sensibilmente il contenzioso giudiziale per il recupero di crediti, con evitabile aggravio di costi per spese legali e di lavoro per gli uffici amministrativi,
  • recuperare anche quella pariteticità contrattuale con i fornitori che si rischia di perdere quando “si è in difetto”, migliorando anche i tempi di consegna e di lavorazione degli ordini, nonché la qualità delle forniture stesse
  • accrescere la credibilità dell’Azienda Pubblica verso la collettività e verso il mondo imprenditoriale, attraverso la quale si possono spuntare condizioni migliorative per la ASL nelle transazioni commerciali
  • contribuire ad evitare che le imprese ricorrano al credito bancario e dei factor, il cui fenomeno in passato ha generato non solo un costosissimo contenzioso, ma ha causato anche l’allontanamento della Direzione Strategica dalla conoscenza delle vere cause di inefficienza organizzativa”

“È nostra ferma intenzione giungere anche alla digitalizzazione dei contratti e di tutte le fasi intermedie di gestione degli stessi – continua Delle Donne – per azzerare tutti i tempi morti delle procedure causati dalle mere trasmissioni di carte e documenti e per avere un monitoraggio contestuale e preciso dei consumi aziendali”.

“Va detto – sottolinea il Direttore Generale –  che il risultato raggiunto  è il frutto di un vero e proprio lavoro di squadra, alla quale rivolgo il mio apprezzamento, basato sull’analisi della spesa e portato avanti da tutti i colleghi dell’Area Gestione Risorse Economico Finanziarie, diretta dal dott. Maurizio De Nuccio, e dai dipendenti delle strutture periferiche (Presidi Ospedalieri, Distretti Socio Sanitari, Dipartimenti) e della Direzione Amministrativa, guidata dal dott. Giulio Schito, basato sul monitoraggio dei tempi di pagamento dei debiti commerciali delle amministrazioni pubbliche attraverso l’integrazione delle informazioni rilevate da SIOPE (Sistema informativo sulle operazioni degli enti pubblici, sistema di rilevazione telematica degli incassi e dei pagamenti effettuati dai tesorieri di tutte le amministrazioni pubbliche, che nasce dalla collaborazione tra la Ragioneria Generale dello Stato, la Banca d’Italia e l’ISTAT) con quelle delle fatture passive registrate dalla Piattaforma elettronica per la certificazione dei crediti (PCC); gli obiettivi, pertanto, per gli anni a venire saranno ancora più sfidanti”.

 “Abbiamo raggiunto un eccellente risultato – aggiunge dice Giulio Schito, Direttore Amministrativo Asl Bt –  questa Direzione ha adottato importanti misure tendenti a migliorare il livello dell’efficienza aziendale. Soltanto con sensibili interventi di carattere strutturale si potrà, infatti, migliorare il livello dell’efficienza dell’Asl Bt mantenendo lo stesso livello di efficacia dell’azione aziendale. L’impegno su questo fronte continua senza sosta intervenendo nel rafforzamento delle strutture amministrative da un lato e nello snellimento delle procedure di liquidazione dall’altro”.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here