Asl Bt, sede Direzione Generale: precisazioni di Alessandro Delle Donne

BarlettaNews- Asl bt

Nei giorni scorsi è stata pubblicata da più testate giornalistiche una notizia relativa “all’imminente trasferimento della sede della Direzione Generale della Asl Bt da Andria a Trani”, solo in considerazione di un sopralluogo effettuato nei giorni scorsi da Alessandro Delle Donne, Direttore Generale della Asl Bt insieme con Amedeo Bottaro, Sindaco del Comune di Trani e i rispettivi tecnici a Palazzo Gradenico.

“Pare opportuno precisare la natura meramente tecnica di tale sopralluogo – dice Alessandro Delle Donne, Direttore Generale della Asl Bt – la stessa si inserisce in una serie più ampia di visite che sto effettuando dopo la mia nomina ad ospedali, reparti, ambulatori e strutture della Asl Bt, anche inattive, come lo stesso Palazzo Gradenigo o l’ex Ospedaletto Pediatrico di corso Cavour di Barletta, sulle quali è doveroso avviare una indagine conoscitiva sullo stato dei luoghi e di conservazione, tesa a valutare eventuali azioni di consolidamento strutturale e di valorizzazione del patrimonio immobiliare della Asl che appare notevole sotto l’aspetto storico, architettonico e patrimoniale”.

“Su Palazzo Gradenigo insiste da decenni una diatriba che interessa la proprietà dell’immobile – continua Delle Donne – e, poiché da alcuni anni, la Direzione Generale della Asl si sta occupando della risoluzione delle diverse controversie con alcuni Comuni, come Spinazzola, ad esempio, aventi ad oggetto la titolarità dei beni immobili, si è ritenuto opportuno effettuare tale sopralluogo tecnico, reso possibile grazie alla disponibilità del Comune di Trani, che deteneva materialmente le chiavi del Palazzo. In tale occasione, si precisa ancora, non si è parlato del trasferimento di alcun ufficio né tanto meno della sede della Direzione Generale, ma solo di ipotesi di atti traslativi e di azioni per affrontare una eventuale ristrutturazione, ben consapevoli del fatto che la individuazione della Direzione Generale della Asl spetta per legge alla Regione Puglia, su proposta della Conferenza dei Sindaci e non della Asl”.

“Tuttavia, la questione pone all’evidenza l’esigenza, sentita soprattutto dai dipendenti che lavorano nello stabile della Direzione Generale di Andria e degli utenti che ne fruiscono, di individuare soluzioni, strutturali o logistiche, che restituiscano una più alta percezione di sicurezza e funzionalità alla sede attuale, fortemente penalizzata dalla carenza di parcheggi e di presidio di sicurezza – aggiunge il Direttore Generale – Infatti sono quasi all’ordine del giorno i furti di automobili di dipendenti e utenti della struttura, che arrecano non solo ingenti danni economici a persone che si recano in via Fornaci per svolgere il proprio lavoro quotidiano a servizio della collettività, ma anche forte percezione di insicurezza derivante dal timore del rischio gravissimo di aggressioni fisiche. A tal fine e nella eventualità che in futuro prossimo ci si debba occupare di tale vicenda, si auspica la massima collaborazione di tutti gli enti locali per studiare una soluzione che conferisca sicurezza, funzionalità e prestigio ad una delle più importanti Aziende Pubbliche del Territorio Bat”.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here