ARO Bari 5, Laricchia e Caravella (M5S): “Poca trasparenza ed immotivata esclusione delle PMI”

nomina

Antonello Caravella, Consigliere Comunale M5S di Casamassima e Antonella Laricchia, Consigliere Regionale hanno presentato esposto all’Anac, al Prefetto, al Procuratore e alla Corte dei Conti di Bari riguardo l’affidamento del servizio di raccolta e spazzamento per l’Aro Bari 5, aggiudicato, ricordiamo, dall’ATI CNS-COGEIR-IMPRESA DEL FIUME.

“Le procedure di affidamento non ci convincono su una serie di aspetti – dichiarano i Consiglieri pentastellati – Prima di tutto, la scelta di imporre un limite di fatturato alle imprese aggiudicatrici di 53.000.000, non previsto dalla direttiva europea 2004/18/CE proprio per garantire parità di accesso a tutte le realtà imprenditoriali, esclude senza alcun motivo, dalla partecipazione alla gara tante PMI del territorio eliminando di conseguenza qualche concorrente scomodo alle più grandi.”

Temi dell’esposto sono anche la ripartizione dei punteggi tra offerta tecnica ed offerta economica, differente Aro per Aro, e la composizione della Commissione aggiudicatrice.

“Ma soprattutto la mancanza di trasparenza – proseguono Caravella e Laricchia  – i verbali delle riunioni richiesti, ci sono stati consegnati senza le note e gli allegati dell’analitico esame della documentazione avvenuto durante l’apertura delle buste. Non è ammissibile procedere così a porte chiuse per un servizio che influirà sulla salute e sulle tasche dei cittadini. La Regione e i Comuni, invece di esercitare i controlli in autotutela a cui sono tenuti e a cui sono stati invitati dallo stesso Cantone, preferiscono chiudere gli occhi e lasciare ai cittadini gli oneri anche economici di quel che verrà”

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here