Le storie, quelle brutte, chissà perché si ripetono sempre. Le foto che state osservando ritraggono la carcassa di un lupo investito (probabilmente nelle prime ore della mattina o durante la notte) lungo via Canosa. In merito all’accaduto aspettiamo di ricevere più informazioni dalla Guardia Forestale e dal Nucleo Faunistico Venatorio, allertati subito dopo il ritrovamento.

Come forse ricorderete, esattamente un anno fa vi abbiamo dato la stessa triste notizia. Anche in questo caso, la certezza che l’animale sia proprio un lupo (Canis Lupus) è data dalla lunghezza dei canini, dal manto, dalla lunghezza della coda e soprattutto dalla zampa che si differenzia da quella dei cani per la presenza di un “ponte carnoso” che unisce i polpastrelli centrali.

lupo barletta news

L’aumento dei lupi nel territorio della Murgia – così come quello dei cinghiali – è ormai cosa nota. Gli avvistamenti, le impronte e le denunce ne sono una testimonianza. La paura per questi animali, in forte aumento su tutto il territorio italiano, ha fatto scattare diversi allarmi in vari territori in cui s’inneggia all’abbattimento o in cui qualcuno come sempre s’improvvisa giustiziere.

Non è detto, infatti, che gli incidenti che coinvolgono questi animali siano realmente tali. I lupi, come tanti altri animali selvatici che hanno rischiato l’estinzione sul nostro territorio (a causa dei bracconieri o della semplice cattiveria umana), sono sempre più spesso vittime dell’uomo. Che sia per colpa di un’auto, un boccone avvelenato, un’esca, una trappola, un laccio o un proiettile d’arma da fuoco, questi meravigliosi animali vengono barbaramente uccisi o massacrati senza alcuno scrupolo. Ogni anno purtroppo circa 300 lupi muoiono per mano dell’uomo (fonte dati WWF).

In realtà il lupo nell’ambiente svolge al meglio il suo ruolo di selettore naturale, controllando la dimensione delle popolazioni delle sue prede ed eliminando le carcasse degli animali morti per cause naturali. In questi giorni il clima rigido ha sicuramente spinto gli animali selvatici ad avvicinarsi al centro abitato in cerca di cibo o ripari. Ricordiamoci, infatti, che l’habitat naturale di questa e altre specie, sta via via riducendosi proprio a causa dell’insediamento umano che distrugge e cementifica infiniti ettari di terreno senza alcun rispetto per la natura circostante. Gli animali che sopravvivono sono costretti ad adattarsi allo spazio che resta o a cercare una “nuova casa” spingendosi oltre quelli che sono – o che erano – i loro confini sicuri.

Se siamo in macchina (e quindi al sicuro) e avvistiamo un lupo, piuttosto che premere sull’acceleratore prendiamo il telefono e allertiamo le autorità competenti. Anche la morte di un unico esemplare contribuisce alla minaccia della sua estinzione. Non è un caso, infatti, che per la salvaguardia del lupo sia in atto un programma di protezione e conservazione su tutto il territorio italiano.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteTrumpAdvisor , ironia che fa riflettere – il primo libro di Pinuccio
Articolo successivo
Giusy Del Salvatore
Giusy Del Salvatore è nata a Barletta nel 1987. Nella città pugliese porta avanti le sue attività di giornalista, blogger, copywriter, web marketing specialist e social media manager. Dopo la maturità classica conseguita presso il liceo classico “A. Casardi” di Barletta si è laureata in Editoria e Giornalismo presso l’Università degli studi di Bari. Successivamente ha frequentato il “First Master in Giornalismo", il master di “Formazione giornalistica ed editoriale”, il master in "Giornalismo Digitale" e il master in "Social Media e Digital Marketing". È appassionata di ecologia, salvaguardia animale/ambientale, poesia, letteratura, architettura, design, web e social media marketing. Ha iniziato a scrivere professionalmente occupandosi di cinema e spettacolo per la rivista Ecodelcinema mantenendo viva l'emozione della prima pubblicazione. È stata caposervizio del mensile ControStile, affrontando argomenti di ogni genere, realizzando interessanti interviste ed inchieste. Ha collaborato con il quotidiano d'informazione tecnologica HwGadget, con la rivista online LSD Magazine e con il settimanale TempoVissuto scrivendo articoli di approfondimento sociale. Nel 2012 con Aletti Editore ha pubblicato un libro di poesie intitolato "Chiamale come vuoi - Siamo solo poeti incompresi" riscuotendo discreto successo e vari apprezzamenti. Ha ricevuto molteplici premi e riconoscimenti in diversi concorsi poetici e letterari, pubblicando numerose poesie in antologie tematiche. Nel 2016 ha pubblicato la raccolta di poesie illustrate "Criptica come la Luna", edita da Alter Ego, finalista al Premio Carver 2016. È autrice dell’eco-blog Mela Verde News in cui e vengono trattati e approfonditi argomenti relativi alla sfera green. Attualmente è Direttore Responsabile di Barletta News e lavora come freelance per aziende e privati nell’ambito del web e social media marketing. In qualità di esperta coordina gli alunni del liceo scientifico Carlo Cafiero di Barletta nel progetto di alternanza scuola-lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here