Anche a Barletta arriva il Registro per le Unioni Civili

Depositato in Comune il testo del primo regolamento

Tra le varie promesse fatte in campagna elettorale dal futuro sindaco Pasquale Cascella, sicuramente spiccava insieme ad altre parimenti degne di nota quella dell’istituzione di Registro per le Unioni Civili. Questa promessa, come già sottolineato quasi un mese fa da Michele Pio Antolini, portavoce circolo di cultura “Penelope Queer”, era lentamente finita nel dimenticatoio. In quell’occasione, Antolini chiese delucidazioni all’amministrazione comunale riguardanti il mantenimento di questa promessa elettorale.
Sarà quindi notizia gradita a chiunque fosse interessato a questo scottante argomento, che ieri è stato depositato presso la Segreteria Generale del Comune il “Regolamento per il riconoscimento delle unioni civili”.

Tale regolamento mira quindi a “tutelare e sostenere le unioni civili, al fine di superare le situazioni di discriminazione e favorirne l’integrazione nel contesto sociale, culturale ed economico del territorio”. Potranno fare richiesta di iscrizione nell’apposito Registro, al fine di ottenere il relativo “attestato di unione civile basata su vincolo affettivo”, tutte le coppie di maggiorenni residenti e coabitanti a Barletta, indipendentemente dal fatto che il sesso dei due individui sia identico o diverso. Chi si iscriverà in tale Registro sarà equiparato, ai fini della legge, al “parente prossimo del soggetto con cui si è iscritto”.

L’area di interventi prioritari da attuare, sempre facendo in modo che non sopraggiunga alcuna forma di diseguaglianza o discriminazione, è molto ampia e prevede interventi riguardanti abitazione, salute, diritti e partecipazione, sport e tempo libero, politiche per giovani, genitori e anziani e altre.
Per consultare il regolamento, che rimarrà depositato presso la Segreteria Generale fino al 18 marzo, basterà presentarsi agli appositi uffici comunali nelle ore di accesso al pubblico oppure consultarlo in via telematica presso il sito del Comune di Barletta oppure reperendolo nell’Albo Pretorio online (per vostra comodità, potrete trovare il documento al seguente link)

Nonostante il lungo periodo di tempo che passato prima che questa promessa venisse adempiuta, non si può di certo negare quale importante passo avanti abbia compiuto l’Amministrazione Comunale con il deposito di questo regolamento, che mira a colmare, finalmente, una lacuna giuridica che già in passato ha creato, spesso e volentieri, situazioni davvero spiacevoli e dalla risoluzione incerta e, soprattutto, discriminatoria nei confronti dei diretti interessati.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteAngela Barbanente replica al PDL/FI su caso IACP
Articolo successivoBarletta, III congresso Cgil Bat: “Il lavoro prima di tutto”
Vittorio
Vittorio Grimaldi è nato il 17 agosto 1991. Diplomato presso il Liceo Classico "A. Casardi" di Barletta, attualmente studia Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Bari "Aldo Moro". Appassionato ed esperto di folklore e mitologia, gestisce dal 2013 il canale youtube a tale materia dedicato "Mitologicamente". Giornalista iscritto all'albo dei pubblicisti dell'Ordine dei Giornalisti della Puglia, dal 2014 è stato cronista politico della testata online Barletta News fino a dicembre 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here