Con la consegna delle chiavi di casa ai legittimi assegnatari dei sei alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica ancora disponibili realizzati nell’ambito delle azioni previste dal Programma di Recupero Urbano, l’Amministrazione comunale compie oggi un ulteriore passo verso la totale riqualificazione dell’area dell’ex Distilleria di Barletta. Gli aventi diritto figurano in posizione utile nella graduatoria speciale dei richiedenti di età superiore ai sessantacinque anni.

Alla cerimonia sono intervenuti, con il Commissario Straordinario dott. Gaetano Tufariello e la Sub Commissario dott.ssa Assunta Russo, il rappresentante della Regione Puglia Ruggiero Mennea, il Segretario Generale del Comune di Barletta dott.ssa Anna Maria Guglielmi e i dirigenti dei settori comunali competenti che hanno condotto le attività indispensabili per ripristinare la funzionalità delle abitazioni riconsegnate al Comune dall’Autorità Giudiziaria che pose fine all’occupazione abusiva avvenuta nel 2009. Dopo l’intervento di sgombero, compiuto dalle Forze dell’Ordine nel 2015, il Comune ha provveduto alla manutenzione necessaria e alla procedura di assegnazione, effettuata in due distinti momenti: nel luglio 2016 e, appunto, questa mattina.

<<È un momento che esprime efficienza istituzionale ma anche un alto valore simbolico – ha dichiarato Il Commissario Straordinario Tufariello – sia perché premia il lavoro compiuto per ripristinare le condizioni di legalità che compromettevano l’investimento destinato al recupero di un’area industriale dismessa, sia perché ha garantito a soggetti in condizioni di fragilità sociale di avere finalmente un tetto di cui la legge ne riconosce la legittima assegnazione. È una pagina di buona amministrazione per la città di Barletta anche perché richiama i valori della giustizia e dimostra l’impegno istituzionale per sottrarre alla marginalità l’area urbana immediatamente a ridosso della ferrovia valorizzandola in un appropriato quadro sociale, culturale ed economico>>.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here