Akira, il ritorno sul grande schermo con un nuovo doppiaggio

akira

  Akira per festeggiare il suo trentesimo anniversario  torna sul grande schermo con un nuovo doppiaggio italiano. Mercoledì 18 aprile alla Multisala Paolillo (spettacoli ore 19.30 – 21.45) appuntamento imperdibile per l’opera che ha fatto la storia del fumetto giapponese, uno dei lungometraggi di animazione più famosi e visionari di tutti i tempi.

Tratto dall’omonima serie di Katsuhiro Otomo, “Akira” fu realizzato con il supporto dell’autore, che ne curò la regia senza mai staccarsi dalla sua postazione di lavoro. Otomo si occupò di tutto: dall’elaborazione del layout alle correzioni dei disegni chiave.  All’epoca il progetto coinvolse 1.300 animatori provenienti da 50 diversi studi e uscì in sala il 16 luglio 1988, quando ormai la popolarità del manga aveva raggiunto il suo apice. Il film conquistò letteralmente milioni di fan in tutto il mondo, sbancando il botteghino con oltre 50 milioni di dollari incassati.

“Akira”  fonde elementi di “2001:Odissea nello spazio”, “I guerrieri della notte”, “Blade Runner” e “Il pianeta proibito”.  La colonna sonora è firmata da Geinoh Yamashirogumi, un collettivo musicale giapponese fondato e diretto dal famoso direttore d’orchestra Shoji Yamashiro.

La trama del film proietta lo spettatore nell’anno 2019 a NeoTokyo, metropoli devastata dalla Terza Guerra Mondiale e divenuta teatro di terrorismo,  scontri studenteschi, in particolare di battaglie tra bande di adolescenti che in moto si affrontano in scontri sanguinosi. Tetsuo, pieno di complessi e membro di una banda di biker capitanata da Shotaro Kaneda, una notte resta coinvolto in un incidente dove incontra Takashi, un ragazzo invecchiato dotato di poteri ESP. Proprio la vicinanza di quest’ultimo risveglia i poteri psichici sopiti di Tetsuo. I due vengono portati via dall’esercito e scompaiono nel nulla. Kaneda insieme a Kay, terrorista conosciuta in un locale, cercando Tetsuo, vengono a conoscenza dell’esistenza di un gruppo di bambini dotati di potenti poteri mentali, frutto di esperimenti genetici condotti da scienziati dell’esercito e finalizzati alla creazione di Akira, devastante arma biologica. Il film propone temi ricchi di interesse e discussione come la corruzione della classe politica dominante, ribellione giovanile e fanatismo religioso, innesti meccanici nel corpo, megalopoli  devastate in scenari apocalittici.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here