Adeguamento ferroviario Barletta, Pastore: “Città crocevia strategico per mobilità sostenibile di passeggeri e merci”

“Alla città di Barletta viene riconosciuto il suo essere un crocevia strategico e fondamentale nella mobilità ferroviaria – afferma Franco Pastore in un comunicato arrivatoci in redazione –  e, dunque, sostenibile. Gli interventi previsti nell’ambito del progetto di Adeguamento ferroviario dell’Area Metropolitana Nord Barese, riguardano infatti l’adeguamento della stazione di Barletta Scalo, quella di via Andria, di fronte alle casermette, che sarà collegata, interconnessa a Rfi, e l’adeguamento della stazione della Bari nord e della viabilità via Veneto.

Quella stazione, un binario con un ingresso che si può definire tale più per consuetudine e uso che per senso di realtà, trattandosi di un varco lungo la strada che costeggia la linea ferroviaria, finalmente potrà essere definita tale ed essere dotata dei requisiti essenziali e moderni, fra cui quelli alla viabilità lungo via Vittorio Veneto.

La stazione della Bari nord già oggi collega Barletta all’aeroporto di Bari e la zona ofantina e dell’alta Murgia, oltre a Canosa di Puglia, a Rfi. Sia questo che interventi che migliorassero la viabilità lungo via Vittorio Veneto, erano stati oggetto di un piano avviato e redatto circa sei anni fa, dagli allora tecnici e amministratori comunali.

Tutto quello che serve c’è – prosegue il politico- le opere previste e finanziate dai fondi Fesr riguardanti via Veneto, infatti, prevedono la realizzazione del sottopasso pedonale, la modifica dei binari, la realizzazione di una palazzina adibita a servizi.

E quale occasione migliore per impedire che un bene come quello dell’ex distilleria, sfuggito per un soffio alla speculazione edilizia dei privati, e oggi di proprietà del comune, venga lentamente demolito dal passare del tempo e dalla mancanza di risorse?”

Anche quello che già è stato fatto, soltanto pochi anni fa sembrava impossibile. Questo mi porta a essere fiducioso, a patto che ciascuno dei soggetti coinvolti faccia la propria parte, il comune di Barletta quale soggetto attuatore insieme a Rfi, Regione Puglia e Ferrotranviaria spa, per incrementare una rete di trasporti intermodale, sia per i passeggeri sia per il traffico merci.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here