Acquedotto Pugliese, Regione finanzia progetto sui depuratori di Barletta e Foggia

BarlettaNews - acquedotto pugliese via Foggia

Caracciolo: “Sostenibilità ambientale è al primo posto nella priorità della Regione”

Tra i progetti finanziati dalla Regione – dichiara l’assessore alla Qualità dell’Ambiente Filippo Caracciolo – rientranti nella graduatoria finale relativi al ‘Sostegno all’introduzione di misure innovative in materia di risparmio idrico, depurazione per il contenimento dei carichi inquinanti, riabilitazione dei corpi idrici degradati attraverso un approccio eco sistemico’ rientra il progetto che ha come soggetto capofila l’Acquedotto Pugliese e partner la Rete d’impresa RONSAS finanziato per un importo di € 947.500,00 sulla Sperimentazione produzione gessi di Defecazione in linea Depuratori di Barletta e Foggia e loro utilizzo in Puglia. Il gesso di defecazione è un correttivo agricolo ottenuto attraverso idrolisi basica di materiali biologici che viene effettuata tramite una reazione chimica con Calcio Ossido (calce viva), ed una successiva precipitazione con acido solforico. Il gesso fornisce calcio, necessario alle piante per rinforzare le pareti cellulari, rendendole più resistenti alle malattie ed al gelo. Fornisce anche zolfo che è fondamentale per l’attività della flora batterica utile del terreno”.

Dopo inaugurato i lavori di potenziamento dei depuratori di Barletta, Margherita di Savoia, Minervino e Bisceglie c’è la piena volontà politica di proseguire in un percorso finalizzato all’ottimizzazione e all’efficientamento del servizio idrico integrato per garantire la corretta gestione e minimizzare l’impatto ambientale dello scarico dei reflui sui corpi idrici sostenendo l’attività di ricerca e di sperimentazione. La sostenibilità ambientale – conclude l’assessore regionale alla Qualità dell’Ambiente Filippo Caracciolo – è al primo posto nell’agenda della Regione e con soluzioni innovative vogliamo continuare a migliorare le condizioni del territorio per preservare l’Ambiente”.

 

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here