A Barletta la raccolta si fa “Porta a Porta”

Presentato il nuovo servizio di raccolta differenziata che cambierà le abitudini dei cittadini barlettani.

Giovedì 24 aprile è stata presentata a Barletta, presso il comando dei vigili urbani, l’iniziativa che cambierà il servizio di raccolta differenziata.
La raccolta si farà “porta a porta” è questa la frase che preannuncia una serie di cambiamenti e di nuove abitudini per quanto riguarda la tipologia di raccolta rifiuti.
Hanno illustrato il nuovo servizio: il sindaco Pasquale Cascella, l’assessore alle politiche della Sostenibilità Ambientale Patrizia Irene Pisicchio, il responsabile della campagna di comunicazione Massimo Santucci e il direttore del centro BAR.S.A.
Il sindaco Cascella ha voluto sottolineare come questa sia un importante prova della città, che cambiando alcune abitudini deve fare fronte impegni e a livelli più elevati di rispetto per l’ambiente.
Una logica ambientale che riscatta la città e che la unisce in un obiettivo comune quello del 5% in più di raccolta differenziata, un aumento che contribuirebbe sia allo sviluppo economico che a quello sociale.
L’assessore Pisicchio ha invece dato le prime informazioni tecniche sul servizio, tra cui la data di inizio il 19 Maggio, per il centro storico e il quartiere Patalini, che insieme rappresentano un terzo della popolazione Barlettana.
Il servizio si estenderà successivamente all’intera popolazione dal 1 Settembre, data in cui spariranno anche tutti i cassonetti stradali, tranne quello destinato al vetro che resterà presente soprattutto per questioni di sicurezza.
Gli abitanti e i commercianti saranno forniti, grazie ai facilitatori ambientali, di un kit di raccolta differenziata e di una guida che chiarirà i dubbi su questa nuova modalità di raccolta e darà informazioni su orari e ritiro dei rifiuti.
Plastica, metalli e tetrapak; carta e cartone; materiale organico, saranno divisi grazie ad apposite buste e gettati in cassonetti specifici che si troveranno in tutti i condomini e fuori dalle attività commerciali.
Quella per il servizio di raccolta differenziata è una campagna pulita che vuole puntare al riscatto sociale dei cittadini del sud Italia da sempre tacciati come meno attenti ai temi dedicati alla corretta differenziazione dei rifiuti e dell’ambiente in generale.
L’amministrazione e i responsabili del progetto forniranno comunque un ufficio dedicato alle domande e ai dubbi dei cittadini e predisporrà un numero verde, continuando comunque con incontri di quartiere che illustreranno nello specifico il progetto alla cittadinanza.
Potrebbe essere questa una buona e giusta svolta in materia di rifiuti per rende il più vivibile possibile l’ambiente che ci circonda e tenendo a mente che le risorse che ci sono concesse non resteranno illimitate ancora per molto.
Bisognerebbe riflettere su questo e su quello che il direttore della bar.s.a ha dichiarato, due comuni bottiglie di Coca-Cola correttamente riciclate possono dare vita ad una sciarpa in pail, e questa non è una cosa di poco conto per la situazione ed il contesto attuale.

Cartella stampa raccolta porta a porta

Invalid Displayed Gallery

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here